La salute è il bene più prezioso in assoluto. Non c’è nessuno che non stia attento al seppur minimo segnale di malessere fisico. Cosa accade quando, purtroppo, si deve far fronte a spese sanitarie urgenti?

infortunio domestico inail
Fonte Pixabay

Il nostro Servizio Sanitario Nazionale prevede il solo costo del ticket ma con tempi, per ogni prestazione, pachidermici e con l’incognita del medico e della struttura ospedaliera. Per una risonanza magnetica urgente, con prenotazione tramite il famigerato ed incolpevole CUP, ci vogliono circa 3 mesi di attesa per l’esame!

Inoltre bisogna tener conto del fatto che una ingente spesa per una malattia imprevista e, certamente non gradita, impatta, spesso, notevolmente sul budget economico familiare. Facciamo l’esempio di una famiglia composta da marito, moglie e due ragazzi. In ordine crescente dei suddetti: una colonscopia, una mammografia, un intervento chirurgico odontoiatrico ed una Rmn a seguito di uno strappo muscolare. Stiamo sui 1.000 €, in centri privati per quello che abbiamo poc’anzi detto sul nostro S.S.N.. Avendo una adeguata copertura sanitaria per tutta la famiglia il predetto costo sarebbe pari a 0. Ecco perché è bene premunirsi e sottoscrivere una polizza sanitaria.

LEGGI ANCHE>> False assicurazioni: si indaga sulla nuova banda della truffa

Quanto costa una polizza sanitaria

Il costo di un’assicurazione sanitaria varia a seconda dell’età dell’assicurato, del sesso, dello stato di salute, delle coperture richieste, di quante persone assicurate, (nucleo familiare), e dall’attività lavorativa. Ovviamente un’attività lavorativa logorante per la salute aumenterebbe la necessità di ricorrere a prestazioni sanitarie. Le donne, nella fascia compresa tra i 20 e i 40 anni, pagano più degli uomini. Questo perché, mediamente in quella fascia di età, sono soggette a gravidanze con tutte le spese pre e post parto. Il costo per assicurare una persone anziana è maggiore rispetto a quello di una persona giovane. Esempio: un uomo di 40 anni paga un premio di 750 € circa, mentre una donna, di pari età, paga un pò di più. Per un soggetto di sesso maschile sui 50 anni una copertura assicurativa completa, cioè densa di garanzie, si aggira sui 1.700 €.

Cos’è la franchigia di una polizza sanitaria

Come per tutte le polizze, anche la sanitaria ha delle franchigie/ scoperti. Se dobbiamo affrontare un ricovero con intervento chirurgico con un costo di 10.000 € ed uno scoperto del 20% in un centro non convenzionato con la Compagnia scelta, di tasca nostra usciranno 2.000 €, mentre la restante cifra sarà coperta dall’Assicurazione. Se, invece, scegliessimo un centro convenzionato con equipe medica/infermieristica sempre convevenzionata, il rimborso della spesa è integrale.

Che cos’è il periodo di carenza o aspettativa? Si intende il periodo che intercorre tra la decorrenza del contratto e la decorrenza della garanzia. Per esempio, la copertura assicurativa decorre dal trentesimo giorno successivo a quello di effetto della polizza, per le malattie insorte dopo la stipulazione del contratto. Attenzione alle esclusioni riportate sulle condizioni generali del contratto. Tra gli esempi più comuni troviamo: patologie psichiche, aborto volontario, malformazioni, invalidità superiore al 60%, cure e interventi estetici, alcolismo e tossicodipendenza etc.

Inoltre, l’assicurato non deve aver compiuto il 75° anno d’età e la copertura cesserà alla scadenza annuale successiva al compimento di 80 anni. Prima di stipulare un contratto del genere la compagnia di assicurazione farà compilare un questionario anamnestico al contraente nel quale vengono poste domande del tipo:”è mai stato sottoposto ad intervento chirurgico in che anno e per quale motivo?”, oppure:”è’ mai stato ricoverato in Ospedale o Casa di cura in che anno e per quale motivo?”.

Le dichiarazioni inesatte o reticenti del Contraente o dell’Assicurato rese in sede di compilazione del questionario sanitario, relative a circostanze che influiscono sulla valutazione del rischio, possono comportare la perdita automatica totale o parziale del diritto all’indennizzo, nonché la cessazione dell’assicurazione ai sensi degli artt. 1892, 1893, 1894 c.c.

LEGGI ANCHE>> I costi dell’auto continuano a salire, ma puoi risparmiare fino a 1000 euro ogni anno

Cosa copre l’assicurazione sanitaria

A seconda della completezza delle garanzie, l’assicurazione sanitaria copre le spese di:

Ricovero per grande intervento chirurgico,e grave malattia

Per grande intervento chirurgico si intende una procedura complessa di operazioni per riparare, ricostruitre, asportare o sostituire una parte dell’organismo colpito da malattia, (aneurismi, interventi sul cuore per via toracotomica, amputazione del retto-ano, trapianti di organi etc.). Tutti i contratti assicurativi riportano una lista molto dettagliata di tali interventi. Una malattia è grave, (per esempio un tumore maligno), allorché comporti il rischio di morte e per la quale siano indispensabili terapie invalidanti (come la chemioterapia), periodi di degenza ospedaliera e di riposo lunghi che hanno un impatto altamente negativo sulla qualità di vita del soggetto colpito, e sul suo stato emotivo oltre ad uno stress fisico importante. Altri esempi di malattia grave sono l’ictus e l’infarto. Nella copertura è incluso anche il ricovero diverso per le cause di cui sopra, oltre all’acquisto di medicinali durante il ricovero stesso.

Accertamenti diagnostici

Sono prestazioni mediche strumentali atte a ricercare, a definire la presenza di una malattia per determinare una diagnosi certa (risonanza magnetica, TAC, mammografia, elettrocardiografia etc.).

Visite specialistiche

Sono coperte purché ci sia una prescrizione medica con il quesito diagnostico o la patologia che ha resa necessaria la prestazione stessa. Ovviamente il medico scelto deve avere la specializzazione attinente alla patologia denunciata, altrimenti l’assicurazione non rimborserà alcunchè.

Cure collegate alle malattie e ai ricoveri

Fisioterapia e riabilitazione sono trattamenti necessari per esempio a seguito di infortunio, sempre che siano prescritti dal medico curante ed effettuati da personale abilitato.

Gravidanza, parto e maternità.

Alias “Pacchetto maternità”. La compagnia copre le spese durante il periodo di gravidanza come, per esempio, le ecografie di controllo, le analisi del sangue, visite specialistiche etc. Quelle necessarie per il ricovero per il parto o per l’aborto terapeutico e per una visita ginecologica di controllo dopo il parto. Importante: la Compagnia copre queste ultime spese sempreché la gravidanza abbia avuto inizio successivamente alla data di effetto della polizza!

Acquisto di protesi ortopediche ed acustiche

Le spese per l’acquisto o il noleggio di apparecchi di questo genere sono soggette sempre alla prescrizione che attesti la situazione invalidante.

Prevenzione e prestazioni odontoiatriche

L’esempio classico è l’ablazione del tartaro effettuata periodicamente volta ad evitare l’insorgere di malattie parodontali. Sono coperte anche le prestazioni odontoiatriche da infortunio purchè vi sia un certificato di pronto Soccorso , radiografie e referti radiologici.

Cure dentarie e terapie conservative.

Per esempio per la riparazione, la sostituzione e l’applicazione di protesi dentarie. Interventi chirurgici odontoiatrici (es. per ascesso dentario, estrazione del dente etc.). Per quanto concerne le ultime prestazioni, dipende dalla Compagnia di assicurazione e da quanto si è disposti a pagare. Più garanzie ci sono e più si paga!

LEGGI ANCHE>> Viaggio in vista? L’assicurazione che mette d’accordo tutti è italiana e vantaggiosa

Perché l’assicurazione sanitaria è importante in viaggio

E se ci si trova in viaggio in Italia o all’estero? Un’assicurazione sanitaria vale per il mondo intero. In caso di necessità vi sono ulteriori garanzie a quelle sopra descritte quali: invio di un medico, pareri medici telefonici immediati, autoambulanza, aereo, treno, viaggio di un familiare all’estero (tramite aereo o treno), invio di medicinali urgenti all’estero irreperibili sul posto, interprete a disposizione, rientro dall’estero con accompagnamento di un parente (tramite aereo o treno), rientro di minori dall’estero se non accompagnato da un maggiorenne.