Pensione, andarci con meno di 20 anni di contributi è possibile

Andare in pensione con meno di 20 anni di contributi è possibile. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come fare.

Bastano 28 anni di contributi per andare in pensione: ecco come
Uscita pensione (Fonte foto: web)

Il lavoro nobilita l’uomo, offrendo la possibilità di attingere a quella fonte di reddito necessaria per riuscire a soddisfare le varie necessità quotidiane. A partire dalla spesa settimanale fino ad arrivare alle bollette, d’altronde, sono davvero tante le volte in cui ci ritroviamo a dover mettere mano al portafoglio. Allo stesso tempo non è possibile negare come spesso si riveli essere anche fonte di preoccupazione a causa dei vari impegni da rispettare. Non stupisce, quindi, che molti non vedano l’ora di poter finalmente andare in pensione e dedicarsi alle proprie passioni.

Proprio in tale ambito sono in molti ad essere curiosi di scoprire quali saranno le novità che verranno introdotte dal governo attraverso la riforma delle pensioni che dovrebbe essere attuata entro la fine dell’anno dal governo a guida Draghi. Per accedere al trattamento pensionistico, d’altronde, bisogna essere in possesso di appositi requisiti sia anagrafici che contributivi. Ebbene, in tale ambito interesserà sapere che, in determinati casi, è possibile andare in pensione anche con meno di 20 anni di contributi. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo come fare.

LEGGI ANCHE >>> Naspi, ottenere l’anticipo in un’unica soluzione è possibile: ecco come

Pensione, andarci con meno di 20 anni di contributi è possibile: ecco come

<> on June 21, 2011 in Berlin, Germany.

Come noto per andare in pensione bisogna essere in possesso di determinati requisiti sia dal punto di vista anagrafico che contributivo. In particolare, in base alle disposizioni attualmente in vigore, per accedere alla pensione di vecchiaia bisogna avere almeno 67 anni di età e 20 anni di contributi. Per quanto riguarda la pensione anticipata, invece, bisogna aver hanno maturato almeno 41 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini. È richiesto un anno in meno per le donne.

Ma cosa fare nel caso in cui non si riescano a raggiungere i fatidici 20 anni di contributi? Ebbene in quest’ultimo caso interesserà sapere che è possibile andare in pensione seguendo una delle seguenti strade:

  • Attendere il compimento dei 71 anni di età. Si tratta di un’opzione rivolta solamente ai cosiddetti contributivi puri, ovvero coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1° gennaio 1996. In questo caso, infatti, sono sufficienti 5 anni di contributi per andare in pensione, purché si siano compiuti, appunto, 71 anni.
  • 15 anni di contributi. Si tratta di una misura rivolta solamente a favore di coloro che rientrano nel regime contributivo. Risultano esclusi, pertanto, coloro che abbiano maturato anche un solo anno di contributo entro il 31 dicembre 1995. In quest’ultimo caso è possibile accedere alla pensione di vecchiaia, sempre all’età di 67 anni, ma con soli 15 anni di contributi se:
    • i 15 anni di contributi sono tutti antecedenti al 31 dicembre 1992;
    • sono stati autorizzati al versamento dei contributi volontari in data anteriore al 31 dicembre 1992;
    • in presenza di un’anzianità assicurativa di almeno 25 anni.
  • Possibilità di riscatto o versamento volontario dei contributi. Non bisogna fare altro che verificare se vi siano o meno periodi durante i quali non si sia prestato attività lavorativa, ma che possono essere comunque conteggiati. Ne sono un chiaro esempio il riscatto della laurea, oppure i periodi coperti da contribuzione figurativa.
  • Pensione sociale. In caso di difficoltà economiche è possibile richiedere, all’età di 67 anni, la cosiddetta pensione sociale. Quest’ultima è rivolta a coloro che presentano un reddito non superiore a 5.983,64 euro, che diventano 11.967,29 euro in caso di soggetti coniugati.
  • Pensione di cittadinanza. Sempre al raggiungimento dei 67 anni di età è possibile richiedere la pensione di cittadinanza, purché si presenti un Isee inferiore a 9.360€ e un reddito familiare non superiore a 7.560 euro.

LEGGI ANCHE >>> Inps, attenti alle lettere sul ricalcolo delle pensioni: come difendersi

Andare in pensione con meno di 20 anni di contributi è possibile, basta scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità e legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:


  1. Telegram - Gruppo base