Bonus Affitto 2021: l’attesa per l’erogazione dei voucher sta per terminare

In arrivo le risorse finanziarie per sostenere il Bonus Affitto, la misura volta a sostenere chi paga un canone di locazione e si trova in difficoltà a causa della pandemia.

Adobe Stock

Il Governo sta erogando misure a sostegno della popolazione per cercare di arginare le gravi conseguenza economiche causate dalla pandemia. Tante persone hanno difficoltà a corrispondere il canone di locazione e, nonostante molti proprietari di immobili abbiano deciso di abbassare l’affitto per offrire un primo aiuto ai locatari, la situazione non sembra migliorare. Il Bonus Affitto ha l’obiettivo di contribuire parzialmente al pagamento del canone mensile e sarà compito delle singole amministrazioni procedere con l’erogazione degli incentivi.

Leggi anche >>> Sostegni bis, resta il Bonus bollette: a chi spettano i 700 euro

Quando arriveranno gli aiuti economici e a quanto ammonteranno

Famiglie e lavoratori in difficoltà stanno ricevendo aiuti sotto forma di diverse misure messe in atto attraverso il Decreto Sostegni Bis. Il Bonus Affitto rientra tra gli incentivi di prossima erogazione per i quali il Governo sta stanziando nuove ed ingenti risorse economiche. Ai 400 milioni di euro arrivati con il primo Decreto Sostegni si sono aggiunti altri 500 milioni di euro che verranno destinati direttamente alle Amministrazioni Comunali. Sarà loro compito, poi, stabilire i parametri per la distribuzione dei voucher a sostegno del pagamento del canone di locazione.

La data di entrata dei fondi nelle varie casse comunali è prevista a partire dal 25 giugno 2021. Di conseguenza, occorrerà attendere fine mese o l’inizio di luglio per l’uscita dei bandi di richiesta del voucher.

Leggi anche >>> Canone di affitto arretrato non mi spaventi: ecco quando non si deve pagare

Chi può usufruire del Bonus Affitto

Pixabay

Le singole amministrazioni comunali, come accennato, individueranno dei parametri che dovranno essere seguiti per poter stabilire chi sono i destinatari della misura. I fattori che incideranno saranno l’Isee, il patrimonio immobiliare e mobiliare, la composizione del nucleo familiare, il reddito familiare e le condizioni occupazionali.

Il funzionamento è ancora incerto ma è possibile ipotizzare che ad usufruire del Bonus Affitto saranno i locatari dal reddito molto basso, con un Isee dall’importo non elevato, ma i limiti non sono ancora stati definiti. Un dato di fatto, invece, è che il Comune di residenza stilerà delle graduatorie che verranno aggiornate ogni tre mesi con i nuovi destinatari della misura.

Leggi anche >>> Allarme per chi non paga l’affitto: non solo sfratto ma conto corrente a rischio

A quanto ammonterà il voucher

Un altro aspetto non chiaro riguarda l’ammontare dell’importo del voucher. Si ipotizza un aiuto variabile tra i 300 e i 600 euro. I fattori che interverranno alla composizione della cifra saranno legati al profilo del richiedente e non è possibile, ad oggi, dare una indicazione chiara sull’importo che si potrà ottenere. Ciò che si sa, invece, è che il contributo sarà parziale e non totale.

In attesa di indicazioni precise sul Bonus Affitto e dell’uscita dei bandi comunali, i locatari in difficoltà possono approfittare di altre misure messe in atto per chi paga un canone di affitto. Il Fondo per la Morosità Incolpevole nasce con l’idea di aiutare chi, per ragioni lontane dalla propria volontà (perdita o riduzione del reddito), si ritrova in difficoltà con il pagamento dell’affitto. Infine, il Contributo comunale di integrazione al canone di locazione è una misura volta a sostenere chi ha un canone di locazione più elevato rispetto al reddito percepito.