Contributi a fondo perduto, pagamenti in arrivo: la data da segnare

Buone notizie per tutti coloro in attesa dei nuovi contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Sostegno Bis. Sono in arrivo, infatti, i relativi pagamenti. Ecco la data da segnare.

Contributo fondo perduto
Fonte: Pixabay

Il Covid è entrato prepotentemente nelle nostre esistenze da ormai più di un anno, con ripercussioni negative sia dal punto di vista sociale che economico. A partire dall’utilizzo delle mascherine, passando per il distanziamento sociale, fino ad arrivare alle limitazioni varie, d’altronde, sono davvero tanti gli accorgimenti a cui ci viene chiesto di prestare attenzione. Un contesto difficile, aggravato dalla decisione di chiudere molte attività, con sempre più famiglie che si ritrovano a dover fare i conti con una difficile gestione del bilancio famigliare.

Diversi sono i bonus approvati dal precedente governo nel corso dei mesi, al fine di offrire un aiuto di tipo economico ai soggetti maggiormente colpiti dalla situazione. Una linea che continua ad essere seguita anche dall’attuale esecutivo a guida Draghi, che di recente ha deciso di approvare il Decreto Sostegni Bis. Una misura particolarmente attesa, con molti che potranno finalmente beneficiare dei pagamenti dei contributi a fondo perduto. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo assieme qual è la data da segnare sul calendario.

LEGGI ANCHE >>> Imu 2021, attenti alle scadenze: cosa rischia chi non paga

Contributi a fondo perduto, pagamenti automatici a partire dal 16 giugno

Fonte: Pixabay

Come annunciato dal ministro dell’Economia, Daniele Franco, in audizione alla commissione Bilancio della Camera, dal 16 giugno partono i pagamenti dei contributi a fondo perduto, con i primi bonifici dell’Agenzia delle Entrate. Si tratta, in pratica, degli accrediti automatici, così come previsto dal decreto Sostegni bis, a favore di imprese e Partite Iva.

Tale forma di aiuto economico, ricordiamo, è rivolto ai titolari di partita Iva fino a 10 milioni di ricavi e compensi, che abbiano registrato un calo di fatturato pari almeno al 30% tra il 2019 e il 2020. L’importo del pagamento, inoltre, sarà uguale a quello già erogato con il primo Decreto Sostegni.

LEGGI ANCHE >>> Dalle bollette ai prestiti, attenti alla batosta: prezzi in preoccupante aumento

Sempre stando alle dichiarazioni del ministro, inoltre, dal 23 giugno dovrebbe essere possibile fare domanda per l’altro tipo di aiuto, previsto sempre nel Decreto Sostegni Bis. Quest’ultimo, ricordiamo, può essere richiesto solamente nel caso in cui il valore del fatturato o corrispettivi medio mensile a partire dal 1° aprile 2020 al 31 marzo 2021
risulti inferiore almeno del 30% rispetto al periodo che va dal 1° aprile 2019 al 31 marzo 2020.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo