Ok del Garante alle funzionalità di rilascio del Green Pass tramite app Immuni. Si frena ancora sull’app IO ma il tavolo di discussione è aperto.

Green Pass
Foto © AdobeStock

Intervento ad hoc del Garante per la Privacy, che sbroglia il nodo del Green Pass concedendo l’ok definitivo al rilascio del lasciapassare per la mobilità europea. Tutto pronto, dunque, per il decreto attuativo che attiverà la Piattaforma nazionale-DGC, che consentirà il rilascio, autorizzando l’uso dell’App Immuni. Discorso diverso per l’app IO, ritenuta dal Garante come un mezzo in grado di trasferire dati sensibili verso Paesi terzi. Sulla questione ha alzato la voce PagoPa, che ha replicato sostenendone la sicurezza e l’affidabilità. Al momento, però, il tutto resta su un piano di discussione.

PagoPa ha fatto sapere di voler istituire un tavolo con il Garante per riuscire a trasferire le funzionalità del Green Pass sull’app IO. L’interlocutore, da parte sua, ha già dato parere favorevole alle altre funzionalità, dal Cashback al Bonus Vacanze, già attive e pronte a restare tali. Una riprova, secondo il Garante, di un’operatività “nel pieno rispetto del Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali (GDPR)”.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass e Passenger locator form: scopriamo come organizzare le vacanze estive

Green Pass, le ultime sul rilascio: tutte le funzionalità

Un passo avanti decisivo per il Green Pass, anche considerando la necessità di averlo a disposizione in tempi brevi per favorire la mobilità interna al Vecchio continente. Lo stesso ministro del Turismo, Garavaglia, aveva invitato all’accelerazione su questo fronte, paventando l’importanza di averne piena funzionalità in tempi brevi per non perdere terreno sulla stagione turistica. Al momento il pass Verde, introdotto dal Decreto Riaperture, consentirà gli spostamenti fra Regioni gialle e sarà necessario per feste e cerimonie, sempre nelle zone in minima fascia di rischio.

LEGGI ANCHE >>> Green Pass, manca l’ultimo gradino e potremo viaggiare

Il Green Pass sarà a disposizione di chi è guarito dal Covid, di chi ha effettuato un tampone rapido (risultando negativo) o si è sottoposto almeno alla prima dose di vaccino. Il Garante, inoltre, ha ottenuto che i soggetti deputati ai controlli delle certificazione vengano sia individuati che istruiti. L’app sarà VerificaC19, ritenuta la migliore per operare il controllo, garantendo attualità e conformità della certificazione verde.