Ancora pochi giorni e pagheremo la prima rata della tassa IMU; ma c’è anche chi sarà esentato o riceverà riduzioni

Arriva la stangata, Imu alle stelle: ecco chi rischia
Tasse Imu (Fonte foto: web)

Ancora pochi giorni e la prima rata dell’IMU dovrà essere pagata. Dal 16 giugno toccherà a migliaia di italiani infatti, dover affrontare la prima rata. Non un bel momento da ricordare, per l’inizio dell’estate.

Tuttavia, ci sarà chi non dovrà pagare, e questa notizia è legata al fondo perduto. Infatti, saranno esentati a diversi soggetti del settore del commercio, che hanno goduto del contributo a fondo. Entriamo quindi, nello specifico.

Leggi anche>>> Modello 730, quando il rimborso non va a buon fine: a cosa fare attenzione

Imu: tutti coloro che non pagheranno

Potranno dirsi quindi esentati, sia titolari degli immobili destinati ad attività ricettive, ma anche a sfondo alberghiero, adibite per spettacoli di vario tipo e fieristiche; potranno farlo pure i soggetti passivi che esercitano la loro attività in un immobile specifico. Anche chi è proprietario di immobili per enti no profit e di terreni agricoli, nonché di Partita IVA, con beneficio del fondo perduto, non pagherà.

Per chi dovesse pagare invece questa, o altre tasse, meglio ricordare tutte le scadenze fiscali di giugno 2021. Andiamo poi a capire come si comporta con l’IMU, chi è residente all’estero. Qui non troviamo un’esenzione, ma una riduzione, per chi risulta pensionato presso il Paese di residenza. La riduzione dell’IMU, verrà applicata nel caso, ad un solo immobile presente in Italia, e con una condizione. Infatti, la possibilità è data solo a chi è titolare di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia.

Leggi anche>>> IMU 2021: il comodato tra genitori e figli, come funziona

Ancora, tipologie di immobili esentati dalla tassa. Secondo l’articolo 1, comma 599, della Legge di Bilancio 2021, saranno esentati gli immobili che hanno avuto l’agevolazione anche nel 2020. Ma a non dover pagare la prima rata, ci saranno anche gli immobili di categoria catastale “D”, se usufruiti da imprese di attività di allestimenti per strutture espositive. Esempio, tutte quelle che riguardano fiere, manifestazioni, per spettacoli, ma anche night club e discoteche.