Grazie al Decreto Sostegni Bis il governo ha deciso di prorogare il reddito di emergenza per altre quattro mensilità, ma non per tutti. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Reddito di Emergenza
Fonte Pixabay

Il 2020 è stato segnato dall’impatto del coronavirus, che ha portato con sé delle ripercussioni negative sia dal punto di vista sociale che economico. Al fine di contrastarne la diffusione, infatti, il governo ha deciso di adottare una serie di misure restrittive, che costringono, purtroppo, molte famiglie a dover fare i conti con una grave crisi finanziaria. Riuscire ad affrontare le spese risulta sempre più difficile e per questo non stupisce il fatto che nel corso dell’ultimo anno siano aumentate le richieste del reddito di cittadinanza. Una misura molto importante, che è stata affiancata lo scorso anno dal reddito di emergenza.

Quest’ultimo, come noto, è stato introdotto con il decreto Rilancio a maggio 2020 al fine di offrire un sostegno economico alle famiglie maggiormente colpite dalla situazione. Prorogato per altre tre mensilità grazie sempre al primo Decreto Sostegni, il governo a guida Draghi ha deciso di aggiungere altre 4 mensilità con il Decreto Sostegni Bis. Quest’ultimo, però, si rivolge ad una platea meno ampia, con molti che resteranno esclusi da tale proroga. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegni Bis, in arrivo bonus spesa da 500 euro: la data da segnare

Reddito di emergenza, brutte notizie in arrivo: prorogato di 4 mesi, ma non per tutti

Grazie al Decreto Sostegni Bis il governo ha deciso di prorogare il reddito di emergenza per altre 4 mensilità, ovvero giugno, luglio, agosto e settembre. Rispetto al primo decreto, però, presenta una platea meno ampia. Restano esclusi, infatti, i disoccupati che hanno terminato di percepire la Naspi. Per quest’ultimi l’unica novità consiste nello stop al taglio del 3% di Naspi a partire dal quarto mese di sussidio.

LEGGI ANCHE >>> Dalle bollette ai prestiti, attenti alla batosta: prezzi in preoccupante aumento

I soggetti interessati dovranno presentare richiesta entro il 31 luglio 2021. Al momento non è ancora chiaro se anche i beneficiari delle prime tre mensilità 2021 dovranno ripetere l’istanza, oppure se verrà erogato in automatico. Si attendono, pertanto, ulteriori informazioni in merito.