Lo scontro tra Dazn e Sky entra nel vivo. Ora i clienti delle due aziende si chiedono cosa succederà ai loro abbonamenti.

Dazn
Dazn (Twitter)

La cavalcata vincente di Dazn verso la piena gestione dei diritti televisivi della Serie A di calcio italiano arriva per la verità abbastanza in sordina. Tre anni fa, quelli che erano stati per anni esclusivamente utenti Sky, si ritrovano a dover fare i conti con una seconda azienda che trasmette in diretta la gare del nostro campionato di calcio. L’inizio non è certo ben visto dai milioni di italiani appassionati di calcio. Il doppio abbonamento, proprio non va a genio ai più.

Inoltre lo streaming offerto dall’azienda debuttante sul palcoscenico italiano è di scarsa fattura e molti abbonati all’offerta preposta si ritrovano ben presto a confrontarsi con un servizio per niente efficiente e di qualità. A quel punto Sky va in soccorso dei suoi abbonati offrendo per coloro che sono fedelmente sottoscrittori di abbonamento da più di 3 anni ai pacchetti calcio e sport, la visione gratuita delle tre gare della giornata affidate a Dazn. La situazione sembra migliorare, ovviamente non per tutti, poi quest’anno, l’ennesima batosta.

LEGGI ANCHE >>> La truffa che consente di avere gratis Sky e Dazn: carcere a chi ne approfitta

Dazn travolge Sky: basteranno 50 euro al mese per seguire la propria squadra del cuore?

Diritti tv Serie A

Pochi mesi fa, in sede di assegnazione dei diritti televisivi della Serie A di calcio per il prossimo triennio, a sorpresa l’offerta di Dazn risulta essere quella vincente. Sky, insomma, perde l’esclusiva del massimo campionato calcistico nazionale dopo più di un decennio. Seguono ricorsi, proteste e quant’altro per la posizione poco chiara di Tim come partner di Dazn, ma al momento niente è stato ancora deciso in merito, Dazn resta la detentrice unica dei diritti televisivi.

Tali diritti saranno distribuiti cosi come succedeva fino alla scorsa stagione. Oggi saranno sette gli eventi trasmessi da Dazn e tre quelli trasmessi da Sky, parti invertite insomma. Il problema, ricorsi a parte, come sempre sorge per il consumatore finale. L’appassionato di calcio, quello che per seguire la propria squadra del cuore ha già sottoscritto un abbonamento con Sky. Cosa succede a chi ad esempio paga mediamente un prezzo vicino ai 30 euro mensili per i pacchetti calcio e sport. Anche perchè bisogna considerare che Sky manterrà i diritti per trasmissione delle gare della prossima edizione della Champions League.

LEGGI ANCHE >>> Dazn + Smart Tv, la combo del futuro: tutti i modi per vedersi le partite

Nelle ultime settimane alcuni sondaggi portati avanti da Tim, partner commerciale di Dazn hanno ipotizzato pacchetti calcio per la prossima stagione oscillanti tra i 20 ed i 30 euro mensili, senza lasciare intendere eventuale altre informazioni riguardanti le intenzioni concrete dell’azienda in merito. Questo, ipotizzando che il vecchio cliente Sky voglia tenersi i suoi due pacchetti calcio e sport a 30 euro al mese, vorrebbe dire che un utente medio potrebbe spendere 50 euro mensili circa, esclusivamente per i pacchetti sport e calcio.

Soltanto per sport e calcio, insomma, immaginando che non si facciano altri accordi con Sky ad esempio per quel che riguarda i pacchetti cinema, intrattenimento e quant’altro. Immaginando che non sia la stessa Dazn a presentare una offerta ancor più ricca. E poi ci lamentiamo se sempre più italiani scelgono determinati “servizi pirata”. Siamo davvero sicuri che sia questo il modo giusto di trattare il consumatore finale? I prossimi mesi ci diranno sicuramente di più.