Sul web è sempre più insistente il rumors secondo cui i furbetti del Super Cashback avrebbero ricevuto un messaggio abbastanza severo 

Super Cashback
Foto: Web

Pessime notizie in arrivo per gli ormai famigerati furbetti del Super Cashback. Seppur non ci siano ancora riscontri ufficiali in tal senso, sembra proprio che i soggetti che agiscono sporco attraverso micro-transazioni, abbiano ricevuto un messaggio piuttosto “pesante”. 

In attesa di capire se la notizia sia o meno veritiera le persone iscritte al programma tramite l’applicazione IO sono piuttosto preoccupate visto che siamo ormai in dirittura d’arrivo per quanto concerne la prima parte della misura ideata per la lotta all’evasione fiscale. 

LEGGI ANCHE >>> Super Cashback, manca poco: quante transazioni vi mancano per vincere

Super Cashback: il contenuto del preoccupante messaggio sull’applicazione

Super Cashback

Andando nello specifico, nella figura sovrastante è possibile leggere l’intero contenuto della comunicazione. Qualora fosse reale metterebbe a serio rischio le transazioni di coloro che in questi mesi si sono avvalsi di questi subdoli escamotage.

Di fatto cambierebbero gli scenari relativi alla classifica del Super Cashback e dei primi 100mila posti che valgono il tanto sospirato premio da 1500 euro. Allo stato attuale PagoPa e il Ministero dell’Economia non si sono ancora pronunciate in tal senso. Quindi non è da escludere che il tutto sia riconducibile ad una manovra fake per spaventare i “furbetti”.

Il messaggio ha fatto capolino sulle pagine social dedicate al Cashback a partire da giovedì 27 maggio e sul portale Forum Italia dell’AgID. Nello specifico viene evidenziato che sarebbero in corso dei controlli che riguardano le transazioni anomale e di importo irrisorio, effettuate in numero elevato presso lo stesso esercizio e nel medesimo giorno.

LEGGI ANCHE >>> Super cashback: ancora un mese per scalare la classifica, ma i furbetti…

Nella parte finale si fa riferimento allo storno dei pagamenti avvenuti in maniera “poco chiara” che di fatto ridisegnerebbe la classifica del Super Cahback. Che il MEF stesse cercando delle soluzioni per arginare definitivamente il problema era risaputo. Che lo faccia senza nemmeno metterci la faccia, appare un tantino strano.