A breve potranno partire le domande per il Mutuo giovani fino a 36 anni. Scopriamo insieme tutti i dettagli relativi al bonus prima casa previsto dal decreto Sostegni bis

Mutuo giovani
Foto © Pixabay

Il momento è propizio per i giovani intenzionati ad acquistare casa. Grazie ad alcune innovazioni inserite nel decreto Sostegni bis, d’ora in poi sarà più semplice ottenere i finanziamenti necessari per poter acquisire una nuova abitazione. 

A partire dal prossimo 24 giugno sarà possibile avanzare la propria domanda per il “Mutuo giovani” a patto però che si disponga dei requisiti fondamentali per farlo. Non resta che scoprire chi e come può agire in tal senso.

LEGGI ANCHE >>> Mutuo, dall’anticipo alle garanzie: tutti i vantaggi per gli under 35

Mutuo giovani, bonus prima casa: le agevolazioni previste per i beneficiari

Per poter ottenere il bonus sulla prima casa bisogna essere under 36 e avere un ISEE inferiore a 40.000 euro. Questi sono i parametri essenziali per accedere al Fondo di garanzia dello Stato, che farà da garante fino all’80% del finanziamento.

Le banche dal canto loro in questo mese dovranno adeguare le proprie procedure per farsi trovare pronte ai nastri di partenza. Una volta partita la campagna, c’è tempo fino al 30 giugno 2022 per fare la domanda. 

In realtà l’articolo 64 del decreto Sostegni bis prevede che lo Stato si faccia da garante del prestito nella misura massima del 50%. Può salire fino all’80% in base alla quota capitale del finanziamento concesso.

Oltre ai giovani fino a 36 anni, possono accedere alla nuova misura anche i nuclei familiari monogenitoriali con figli minori e i conduttori di alloggi di proprietà degli istituti autonomi delle case popolari. Per loro è prevista la garanzia massima, ovviamente però dovranno rispettare il limite temporale e presentare la richiesta entro il termine sopracitato.

LEGGI ANCHE >>> Mutuo prima casa, lo Stato fa una promessa ai giovani

Le agevolazioni sul mutuo però non sono le uniche note positive. Il decreto Sostegni bis infatti cancella anche le tasse per i giovani che acquistano la prima casa. Fino al 31 dicembre 2022 chi non ha ancora compiuto 36 anni e presenta un ISEE entro i 40.000 euro godrà dell’esenzione delle imposte di registro, catastali e ipotecarie. 

Insomma, negli ultimi anni non ci sono praticamente mai state delle condizioni così favorevoli. Quindi chi ha intenzione e può è bene che non ci pensi su due volte, onde evitare di farsi passare davanti un treno piuttosto comodo.