Vediamo cosa cambia per quanto riguarda il Cashback di Stato e la Lotteria degli scontrini a partire dal mese di giugno. L’innovazione potrebbe lasciare in dote diverse polemiche

cashback

Coloro che pensavano che Cashback e Lotteria degli Scontrini fossero al capolinea si sbagliano di grosso. Le due misure ideate dal Governo Conte (e confermate da quello Draghi) per combattere l’evasione fiscale non solo andranno avanti, ma saranno innovate per permettere ai fruitori di avere ancora più possibilità.

Al contempo però la possibile grande novità non è positiva per tutti. Alcune categorie potrebbero pagare dazio, mentre altre potrebbero avvantaggiarsi e non poco. Dunque, vediamo quale sarà lo scenario per i prossimi mesi e quali effetti potrebbe comportare.

LEGGI ANCHE >>> Furbetti Cashback: assalto al distributore di benzina

Cashback e Lotteria degli scontrini: l’innovazione che potrebbe peggiorare le cose

In pratica dal prossimo mese anche i distributori automatici rientreranno nel circuito Cashback e Lotteria degli scontrini. Lo ha annunciato l’azienda IVS che si occupa del settore di vending.

Il tutto avverrà tramite un’applicazione di pagamento mobile dedicata (CoffeecApp) che bisognerà scaricare sul proprio smartphone. A quel punto non rimane che registrarsi (sia per il Cashback che per la Lotteria degli Scontrini) ed il gioco è fatto. Fungerà come una sorta di borsellino digitale ricaricabile tramite carte di credito e debito, a ma anche attraverso denaro contante direttamente nei distributori automatici.

Tutto molto interessante se non fosse che questi mesi sono stati caratterizzati dalla forte presenza di soggetti non hanno avuto atteggiamenti propriamente corretti. Nulla di illegale, però è innegabile che le azioni dei “furbetti” del Cashback hanno creato non pochi problemi agli esercenti.

LEGGI ANCHE >>> Lotteria degli Scontrini, colpaccio con 12 euro: ecco quanto ha vinto

Il Mef aveva aperto a possibili soluzioni per limitare il raggio d’azione di questi individui, però con questa introduzioni si rischia di aggravare ulteriormente la situazione. I distributori di fatto favoriranno le micro-transazioni e di conseguenza la possibilità di ottenere più biglietti validi per la partecipazione alla Lotteria degli scontrini.