L’estrazione premia il Nord e regala una bella soddisfazione anche a scontrini di piccola entità. Ecco i risultati di maggio.

Lotteria degli scontrini
Foto: Web

L’estrazione di maggio riserva diverse sorprese nell’ambito della Lotteria degli Scontrini. Ben tre di questi, infatti, a fronte di spese sotto i 20 euro hanno fruttato ai loro possessori la cifra shock di 100 mila euro. In particolare, secondo quanto riferito dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che regola la lotteria, fortunatissimo è stato un partecipante che, con un conto di appena 11,96 euro, risalente all’8 aprile scorso, ha fatto letteralmente man bassa. Il suo codice è stato estratto tra quelli fortunati, riversando nelle sue tasche il maxi-riconoscimento.

C’è anche chi ha dovuto faticare un po’ di più naturalmente. Non sul piano della fortuna ma su quello delle tasche: la più alta spesa fra i 10 scontrini estratti, segna infatti 189,61 euro, in data 3 aprile. Ovvero, un giorno prima di Pasqua. Ma non sono solo gli scontrini estratti a tenere banco nel giorno dell’estrazione. Incuriosisce anche il trend delle vincite che, dati alla mano, a questo giro sembra premiare più le regioni del Nord Italia.

LEGGI ANCHE >>> Cashback, i furbetti hanno oltrepassato ogni limite: cosa fanno a casa propria

Lotteria degli Scontrini, colpaccio con 12 euro: a giugno estrazioni settimanali

Milano, Come, Mozzo (Bergamo) e Magenta sono le città del Nord premiate all’estrazione di maggio. Addirittura due premi ad Ascoli Piceno, altri a San Benedetto del Tronto e Monteprandone. Bene anche Novara, Modena, Romagnano Sesia (sempre in provincia di Novara) e a Casier, nel Trevigiano. Premiato con cinque premi il settore della grande distribuzione, altri cinque nel settore degli esercizi di prossimità. Anche qui va meglio al Nord (Lombardia e Veneto a fare la parte del leone). Dieci premi che riguardano il riconoscimento da 20 mila euro a quei rivenditori che favoriscono l’uso della moneta elettronica.

LEGGI ANCHE >>> Partite Iva, buone notizie dall’Inps: cosa c’è da sapere

Ricordiamo di tenere d’occhio la Pec: lì saranno infatti comunicate le vincite, mentre per chi non l’avesse a disposizione, si procederà con la raccomandata con avviso di ricevuta. Novanta giorni il tempo utile per reclamare la vincita presso l’ufficio dell’Agenzia delle Dogane del territorio di appartenenza. Dopo le opportune verifiche, via al riconoscimento. Dal mese di giugno, inoltre, l’attenzione dovrà essere massima: le estrazioni saranno settimanali.