Poste Italiane S.p.A. ha allargatola sua offerta di servizi e proposte ai clienti. Tra essi, merita certamente di essere considerato il prestito BancoPosta Classico. Ecco i dettagli e i pareri di chi l’ha provato.

Poste italiane investimento
Foto: Web

Il ventaglio di offerte di prestito di Poste Italiane è davvero ampio ed è in grado di accontentare un po’ tutti. Come nel caso di prestito BancoPosta Classico, pensato dall’azienda per accompagnare il privato cittadino nell’iter di realizzazione dei propri progetti di vita.

Come si può leggere nel sito web ufficiale della società, il prestito BancoPosta Classico consente di scegliere il finanziamento in piena libertà, ossia in rapporto alle proprie particolari esigenze, valutando con discrezionalità importo e durata della formula.

Ecco insomma un’altra opportunità offerta da Poste Italiane S.p.A. azienda che negli ultimi anni si è saputa proporre con una vasta gamma di servizi non soltanto postali, ma anche bancari (attraverso il Patrimonio Bancoposta); di ambito finanziario; di telecomunicazione; telematica pubblica; riscossione e pagamento e di raccolta del risparmio postale.

Qui di seguito però vediamo un po’ più da vicino l’offerta prestito BancoPosta Classico: come funziona? Ma soprattutto, cosa ne pensano i clienti? Scopriamolo.

Prestito BancoPosta Classico: di che si tratta in breve

L’offerta in questione si presenta subito assai flessibile per il cliente che la sceglie. Infatti, grazie a prestito BancoPosta Classico, è possibile valutare un importo oscillante tra un minimo di 3.000 e un massimo di 30.000 euro; mentre la durata del rimborso è compresa tra i 24 e 84 mesi.

Caratteristica essenziale del prestito in questione è la possibilità di richiederlo agevolmente in qualsiasi ufficio postale, anche il sabato mattina. Punto di forza di Poste Italiane è infatti da sempre l’elevatissima presenza in tutto il territorio italiano, con uffici sparsi praticamente ovunque e personale qualificato a disposizione per ogni dubbio, delucidazione o chiarimento. Le operazioni sono dunque molto semplici, essendo semplicemente necessario:

  • cercare l’ufficio postale più vicino alla propria residenza;
  • prenotare l’appuntamento con un consulente dell’azienda (anche telefonando al numero verde 800.211.290);
  • recarsi nell’ufficio postale nella data stabilita, per intraprendere il percorso che condurrà all’erogazione del prestito BancoPosta Classico.

LEGGI ANCHE >>> Prestito BancoPosta Ristrutturazione Casa, come funziona e le opinioni dei clienti.

Requisiti e documentazioni da possedere: i dettagli

Come accade nella generalità delle offerte di prestito personale, anche per prestito BancoPosta Classico abbiamo dei requisiti obbligatori, ossia necessari al fine di ottenere l’importo desiderato.

In particolare, il cliente interessato può ottenere la somma soltanto se risiede nel nostro paese e se ha un reddito da lavoro o da pensione oggettivamente comprovabile e prodotto in Italia.

Sul piano della documentazione richiesta al fine della concessione del prestito BancoPosta Classico, occorre essere in possesso dei seguenti documenti:

  • documento d’identità in corso di validità;
  • tessera sanitaria;
  • documento di reddito.

Ma attenzione alle regole di dettaglio, giacchè in base alle specifiche caratteristiche del richiedente e/o per avvalersi di specifiche promozioni attive, Poste Italiane S.p.A. potrebbe domandare l’esibizione di altre documentazione aggiuntiva rispetto a quella qui elencata; o potrebbe richiedere il possesso di requisiti supplementari.

Come funziona l’erogazione di questo prestito personale?

In buona sostanza, il prestito BancoPosta Classico consiste dunque nel prestito personale che consente di ottenere da 3.000 fino a 30.000 euro. Il cliente che ottiene l’ok al finanziamento, potrà avere la somma desiderata, attraverso:

  • accredito su c/c bancario, Postepay Evolution o direttamente in denaro contante allo sportello dell’ufficio postale, se si è titolari di Libretto di Risparmio Postale;
  • accredito sul proprio Conto Corrente BancoPosta, se si è titolari di Conto Corrente BancoPosta;
  • direttamente in denaro contante allo sportello dell’ufficio postale (per somme entro un massimo di 10.000 euro), per tutti gli altri clienti.

Il prestito BancoPosta Classico consiste in un prodotto di finanziamento versato da Compass Banca S.p.A., Deutsche Bank S.p.A., Findomestic Banca S.p.A., Intesa Sanpaolo S.p.A. e collocato da Poste Italiane S.p.A. – Patrimonio BancoPosta. Ciò in base ad un accordo distributivo non esclusivo sottoscritto tra le parti e senza costi ulteriori per il cliente che opta per questo prestito personale.

E’ chiaro che la concessione del prestito in oggetto è legata a valutazione ed approvazione da parte del soggetto erogatore. In ogni caso, per possibili reclami o informazioni sulle modalità di recesso, il cliente farà bene a consultare la documentazione contrattuale disponibile presso l’Ufficio Postale.

Come funziona il meccanismo di rimborso del prestito?

Circa il piano di rimborso del prestito erogato, ribadiamo che la durata del prestito varia da un minimo di 24 mesi fino a un massimo di 84 mesi in totale. Vi è dunque un margine di flessibilità piuttosto ampio per il cliente; il rimborso delle rate del prestito in questione è mensile e si realizza, sulla scorta della tipologia di clientela, attraverso addebito diretto su c/c BancoPosta; carta Postepay Evolution; c/c bancario o con il pagamento di bollettini postali (con spese di pagamento dei bollettini a carico del cliente stesso, in base alle tariffe applicate).

Non solo. Compiere il calcolo rata del prestito Bancoposta Classico è fondamentale per sapere, prima di fare domanda, che impegno di natura economica si avrà nel corso del tempo, a livello di rata mensile da versare.

Pertanto, per fare il conteggio, l’interessato dovrà tener conto della somma desiderata; della durata del finanziamento nel corso del tempo e del tasso di interesse. Quest’ultimo, in particolare, può essere rilevato dal prospetto informativo dei finanziamenti. Ma a scanso di ogni possibile dubbio, basterà domandare presso un qualunque ufficio postale in tutta Italia. Sul web comunque ci sono diversi strumenti di calcolo rata, facili da usare e soprattutto gratuiti.

Inoltre, il quadro dell’offerta a favore del cliente che sceglie prestito BancoPosta Classico è arricchito da una garanzia ad hoc. Infatti, è possibile sottoscrivere una copertura assicurativa facoltativa per tutelare il cliente e la propria famiglia: si tratta di Posteprotezione Prestito, ossia una formula che con pochi euro in più al mese consente di sottoscrivere un pacchetto assicurativo che garantisce il rimborso del capitale rimanente, in ipotesi di eventi imprevisti.

LEGGI ANCHE: Prestito BancoPosta Consolidamento debiti, elogi e critiche dividono l’utenza.

Le opinioni di chi ha provato prestito BancoPosta Classico: pro e contro

A questo punto, focalizziamoci su quelle che sono le opinioni dei clienti che hanno scelto la soluzione tradizionale di prestito Bancoposta Classico. Quali sono i pareri di chi l’ha provato? Vediamolo onde orientare il cliente verso la scelta più opportuna per le proprie esigenze.

Le recensioni positive di prestito Bancoposta Classico

Molti clienti hanno espresso soddisfazione nell’aver scelto questa formula di prestito, per le flessibilità che la caratterizza, anche e soprattutto sul piano della rateizzazione. E’ possibile comunque, come notato da alcuni, fare il rimborso del prestito in via anticipata in qualsiasi momento.

Altri hanno elogiato la solidità del brand Poste Italiane S.p.A., che dovrebbe tenere al riparo i clienti da eventuali brutte sorprese. Anzi la soluzione prospettata con il prestito BancoPosta Classico è certamente affidabile e sicura e, soprattutto, costituisce un’alternativa credibile a molte offerte di finanziamenti online. 

Pareri buoni anche in rapporto alla facoltà di stipula dell’assicurazione di garanzia sul prestito voluto e per quanto riguarda la presenza capillare sul territorio, con uffici e personale (quasi) sempre a disposizione per dare tutti i chiarimenti del caso.

Le recensioni negative di prestito BancoPosta Classico

Considerando che l’offerta di prestito in questione è la più tradizionale e ‘antica’ di quelle offerte da Poste Italiane, non vi sono tantissimi commenti negativi a riguardo. Si registra qualche critica soltanto con riguardo ad alcuni aspetti della piattaforma web delle Poste, che non sempre dà tutte le informazioni di dettaglio desiderate, costringendo a contattare un operatore.

Qualcuno ha puntato il dito contro l‘elevata mole della documentazione da presentare, quando l’azienda vuole ‘vederci chiaro’ prima di concedere il prestito personale in oggetto. Alcune critiche anche in riferimento alla qualità del servizio offerto dagli operatori di Poste Italiane, non sempre così preparati da chiarire ogni possibile dubbio o così cortesi da rendere il colloquio gradevole.