Il bonus vacanze è ancora attivo, ma come funzionerà per la prossima estate? Sarà usufruibile non solo nelle strutture

Vacanze 2021 (Fonte foto: Pixabay)

Il bonus vacanze ha avuto più successo del previsto nel 2020, dopo un’iniziale fase di stallo. Ma cosa cambierà per il bonus vacanze 2021, sarà ancora possibile usufruirne e se sì, con quali limitazioni? Lo sarà, perché il turismo ha bisogno della sua ripresa, dopo un secondo anno di difficoltà.

Ed allora, andiamo a scoprire chi lo accetterà. Sicuramente anche quest’anno, molte strutture, ecco come cercarle. Ma non solo. Da ricordare, che il bonus è usufruibile solo da chi lo ha già chiesto nel 2020, senza però mai averlo sfruttato. Il bonus, prevedeva uno sconto fino a 150 euro per la persona singola, a 300 euro per due persone e fino a 500 euro, per un nucleo composto da tre o più persone.

Leggi anche>>> Bonus 500 euro computer e tablet: svolta importante per i beneficiari

Bonus vacanze 2021: ecco le agenzie di viaggio

La novità più importante è che le agenzie di viaggio accetteranno il bonus vacanze, al pari di hotel, b&b ed altre strutture ricettive. In questo modo, per via trasversali quindi, sarà maggiore il numero di strutture in cui poter usufruire del nostro bonus. Ma capiamo anche come funzionerà il bonus.

Della somma di quest’indennità, l’80% viene risparmiato in uno sconto, in base al nucleo familiare ed all’Isee, mentre il restante 20%, consiste in una detrazione fiscale da far rientrare in dichiarazione dei redditi.

Leggi anche>>> Decreti Sostegni bis, l’impalcatura della ripartenza: largo a bonus e incentivi

Per quanto riguarda poi la possibilità effettiva di poter sfruttare il bonus vacanze, come per l’anno scorso, ci sono diversi criteri da rispettare, che noi vi elencheremo. Il bonus è utilizzabile una sola volta, non può essere utilizzato in due momenti diversi da differenti componenti del nucleo familiare e naturalmente sarà utilizzabile solo nelle strutture ricettive in cui è accettato. Come sottolineato, anche nel 2021 sarà utilizzato solo da chi lo ha richiesto nel 2020, il pagamento viene effettuato in soluzione unica e soprattutto l’attestazione Isee del nucleo familiare che lo richiede, non deve superare i 40.000 euro.