Buone notizie per molti utenti che possono beneficiare dell’esonero dal pagamento totale del canone Rai. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo chi ne ha diritto e cosa c’è da sapere in merito.

canone rai

Da ormai più di un anno ci ritroviamo a dover fare i conti con il coronavirus, che ha portato con sé delle ripercussioni negative sulle vite di tutte noi sia per quanto riguarda l’aspetto sociale che economico. Al fine di contrastarne la diffusione, infatti, il governo ha deciso di adottare una serie di limitazioni, come ad esempio il coprifuoco, l’utilizzo delle mascherine e la chiusura di molte attività. Proprio quest’ultima decisione costringe molte famiglie a dover fare i conti con una grave crisi finanziaria, che comporta delle grandi difficoltà nel riuscire ad affrontare le varie spese.

Molte le persone che si ritrovano a dover fare i conti con delle minor entrate, causate da un calo del lavoro. Proprio in questo contesto, quindi, si rivela essere necessario l’intervento del governo attraverso misure ad hoc. Ne sono un chiaro esempio i vari interventi approvati, sia dal precedente esecutivo che da quello attuale, come ad esempio i bonus previsti nel Decreto Sostegni Bis. Ma non solo, alcuni potranno anche usufruire dell’esonero dal pagamento totale del canone Rai. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Turismo in ginocchio, il paradosso italiano: spostamenti tra regioni vietati, ma all’estero….

Canone Rai 2021, arriva l’esonero: tutto quello che c’è da sapere

Canone Rai in via di cancellazione per qualcuno: ipotesi stralcio arretrati
Rai (Fonte foto: web)

Grazie alla conversione del cosiddetto Decreto Sostegni, ovvero il decreto legge n. 41 del 22 marzo 2021, sono state apportate alcune modifiche e integrazioni al testo originario che interessano in particolar modo il mondo delle imprese. Tra queste si annovera l’esonero totale, per il 2021, del canone speciale Rai a favore delle strutture ricettive, di somministrazione e consumo di bevande presso locali pubblici o aperti al pubblico. Sono comprese, anche, le attività similari svolte da enti del Terzo settore.

Questo vuol dire, quindi, che, per l’anno in corso, alberghi, bar, ristoranti, pizzerie e pubblici esercizi in genere non dovranno pagare il canone RAI. Una notizia senz’ombra di dubbio importante, che si rivela essere un valido aiuto in un momento particolarmente difficile come quello attuale. Un risultato ottenuto grazie anche al lavoro di FIPE Confcommercio che ha provato a più riprese a sensibilizzare le istituzioni su tale argomento, invitando, appunto, a concedere delle agevolazioni ai quei settori già duramente colpiti dalla crisi causata dal coronavirus.

LEGGI ANCHE >>> Dalle bollette ai prestiti, attenti alla batosta: prezzi in preoccupante aumento

Oltre all’esonero, vi sono anche buone notizie per coloro che hanno già provveduto a pagare il canone Rai 2021. Ebbene, in quest’ultimo caso i soggetti interessati potranno beneficiare di un credito d’imposta dello stesso importo del canone pagato. Al momento, comunque, non sono disponibili ulteriori informazioni in merito. Non resta quindi che attendere e vedere come sarà possibile usufruire di tale credito.