Una telefonata quasi commossa, i ringraziamenti per avergli dato la possibilità di vincere ed una promessa.

 

 

Montappone non crede ancora a quel che è successo, la vincita incredibile al Superenalotto presso una delle tabaccherie del posto, quella di Gianmario Menecozzi, che incredulo ancora non riesce a realizzare quello che è successo. La sua attività balzata gli onori della cronaca per la vincita del montepremi di 156 milioni di euro del Superenalotto. Qualcosa di mai nemmeno immaginato, che ha letteralmente travolto ogni cosa da qualche giorno.

Montappone è letteralmente impazzita all’indomani della notizia della vincita. L’Italia tutta si è stretta nell’entusiasmo di quei luoghi e anche un po’invidiosa ha iniziato ad immaginare come sarebbe vincere 156 milioni di euro, una cifra inimmaginabile, stratosferica, quasi impossibile da realizzare. Eppure è successo, è successo che qualcuno abbia strappato quella cifra con una giocata secca da 2 euro, niente di più semplice e dannatamente fortunoso.

LEGGI ANCHE >>> SuperEnalotto, la vincita da sogno: l’ho scoperto su internet, credevo di volare

156 milioni vinti, poi la telefonata: “Speriamo si pensi al nostro paese”

Tabaccheria vincita
Tabaccheria vincita

Gianmario Menecozzi, cosi come ha raccontato al quotidiano “Il Giorno”, non sa bene chi abbia potuto vincere quella cifra tanto alta, è vero ha ricevuto una telefonata in cui veniva ringraziato presumibilmente dal vincitore dei 156 milioni di euro, ma senza capire di chi si trattasse. Menecozzi ha spiegato che il loro è un paese di 1700 persone e che si augura che il vincitore possa fare qualcosa per quel territorio, creare qualcosa che sia per tutti.

Poi la promessa, della persona al telefono, che lascia intendere che la figura del tabaccaio che ha giocato la schedina vincente, sarà ricompensata. Un regalo è quello che tutti i ricevitori si aspettano dopo una vincita del genere giocata presso la propria attività.

LEGGI ANCHE >>> 10 e lotto, 5 minuti di attesa, poi l’;urlo liberatorio! La grande vincita

Il sindaco di Montappone, ha fatto appello al vincitore dei 156 milioni perchè possa fare del bene alla sua comunità. Costruire, ad esempio, una casa di riposo per gli anziani, struttura della quale il paese avrebbe tanto bisogno