L’Inps ha sbloccato i pagamenti del Reddito di Emergenza. Scopriamo insieme quando sarà accreditata la prima rata del provvedimento

Reddito di Emergenza
Soldi bonus (Fonte foto: web)

Una gran bella notizia per i beneficiari del Reddito di Emergenza. Dopo aver conosciuto l’esito della propria domanda la scorsa settimana, coloro che hanno avuto esito positivo possono finalmente iniziare ad incassare la prima rata del provvedimento.

La base di partenza è di 400 euro per i nuclei monofamiliari mentre il massimo percepibile è 840 euro per una famiglia composta da tre adulti e due minorenni con un componente disabile grave.

Quindi ognuno in base alla propria situazione riceverà in questi giorni la prima tranche, ovvero quella relativa al mese di marzo. Si rammenta infatti che la misura di sostegno sarà erogata in tre rate e che quelle di aprile e maggio arriveranno successivamente.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di Emergenza finalmente si sblocca: il comunicato dell’Inps

Reddito di Emergenza: la data dei pagamenti della rata di marzo 2021

L’interrogativo ridondante però è uno solo: quando arrivano i soldi? La risposta l’ha data direttamente l’Inps che ha comunicato l’inizio dei pagamenti a partire dal 20 maggio 2021. Ovviamente può capitare che a qualcuno arrivino con qualche giorno di ritardo, ma niente paura: chi ha avuto la conferma della propria domanda avrà ciò che gli spetta.

Le risorse che verranno elargite riguardano sia le pratiche del Rem ordinario che quelle del Rem Naspizzato. Per chi ha richiesto l’accredito su bonifico bancario/postale o su libretto postale non resta altro che controllare le applicazioni dedicate e vedere se l’importo è stato caricato.

Chi invece ha optato per il bonifico domiciliato, deve necessariamente ritornare nella propria sezione del portale e vedere se il pagamento è stato disposto. Solo a quel punto potrà recarsi presso gli sportelli di Poste Italiane e ricevere la somma rigorosamente in contanti.

LEGGI ANCHE >>> Reddito di Emergenza, l’Inps svela quando ci saranno i pagamenti

Vista la grande risposta da parte dei cittadini, il termine ultimo per inoltrare la propria richiesta è stato posticipato al 31 maggio 2021. La si può redigere o sul portale online dell’Inps con SPID o PIN Inps o tramite CAF e Patronato.