Quante transazioni bisogna effettuare per essere almeno al posto 100.000 della classifica Super Cashback? Vediamo

Super bonus Cashback (Fonte foto: web)

Il 30 giugno è sempre più vicino ed almeno 300mila italiani stanno concorrendo per gli unici 100mila posti del Super Bonus Cashback. La classifica cambia di continuo, ma più o meno, come già detto, solo una piccola percentuale di chi ci sta provando, porterà a casa i tanto ambiti 1.500 euro.

E che ora si entri nel vivo, si capisce anche dal numero delle transazioni: la settimana scorsa è stata quella in cui ce ne sono state di più dall’inizio del Cashback. Ci sono poi sempre i furbetti che forse verranno esclusi, ma che sono stati molto bravi ad aggirare il sistema.

Leggi anche>>> Cashback, i furbetti hanno oltrepassato ogni limite: cosa fanno a casa propria

Alla ricerca del Super Cashback, ecco tutte le transazioni

La settimana appena passata, ha registrato 5,7 transazioni quotidiane, da parte di chi ha preso parte al gioco del Super Bonus Cashback, e naturalmente secondo le previsioni, i dati vedranno numeri ancor più alti, forse per qualche tempo, e man mano appunto, che si avvicinerà la data ultima per raggiungere il “posto” 100.000 nella speciale classifica.

I dati, parlano in prospettiva di una media di 5 transazioni al giorno (e potrebbero non bastare) per finire tra i primi centomila della graduatoria e quindi essere premiati. Da non dimenticare, che poi fino a dicembre, ci saranno altri sei mesi per prender parte all’altra metà del Super Cashback. Soprattutto per questo, in tanti temono per il Cashback fuori dal Recovery e che le transazioni potrebbero essere tutte inutili.

Leggi anche>>> Furbetti del Cashback al capolinea: il provvedimento da parte del MEF

Per gli amanti delle curiosità, ecco la persona che per ora è in esatta posizione 100mila, quali sono i giorni in cui ha effettuato il maggior numero di transazioni. A metà settimana, il giovedì, vede quota 4,81, mentre al mercoledì ce ne sono 4. Da tener conto però che per questo sistema, i movimenti sono registrati con circa 3 giorni di ritardo. Quindi in pratica, i dati della metà settimana che sono i più alti, sono quelli realmente effettuati nel week-end.