Da mesi ormai non si attende altro che il 15 maggio per capire cosa succeda davvero agli utenti della nota app.

Whatsapp
Whatsapp (Adobe)

Il 15 maggio nella memoria collettiva di tutti gli utenti di Whatsapp sarà ricordato come il giorno in cui ogni cosa sarebbe dovuta cambiare, e chissà poi come andrà a finire davvero. Parliamo di quella che è probabilmente la più nota app di messaggistica istantanea al mondo. Moltissime le voci circa la possibilità di violazioni e forzature legate alla privacy in assenza del nuovo lascia passare degli utenti alle nuove modifiche del contratto tra le parti.

Una sorta di aggiornamento di quelli che sono i termini e gli accordi tra l’azienda e gli utenti, lo zampino di Facebook e la possibilità che le nostre informazioni possano essere condivise attraverso il social network più famoso per fini commerciali di statistica e quant’altro. In generale una serie di limitazioni all’app, confermate dall’azienda per chi non si allineerà entro la fatidica data del 15 maggio 2021, cioè oggi. Niente di più semplice.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp, occhio alla foto profilo: non sempre è al sicuro

Whatsapp termina il conto alla rovescia: chi è dentro è dentro, per gli altri si vedrà

Va bene le restrizioni, nel senso che sembra chiaro che le cose non saranno come prima per gli utenti dell’app. Non è ancora chiaro però in quale misura e quando succederà il tutto. Si parla di una variazione nella possibilità di inviare messaggi, di ricevere determinate notifiche di compiere inoltre altre operazioni legate alla piattaforma. Insomma un vero e proprio problema per chi ha scelto di non aderire alle nuove disposizioni aziendali.

“Se non accetterai i termini entro questa data, WhatsApp non eliminerà il tuo account – si legge in una nota – tuttavia, non avrai a disposizione tutte le funzionalità dell’applicazione finché non accetti. Per un breve periodo di tempo, potrai ancora ricevere chiamate e notifiche, ma non potrai leggere o inviare messaggi dall’applicazione”. Queta la comunicazione dell’azienda.

LEGGI ANCHE >>> WhatsApp, sei giorni al D-day: meglio non sottovalutare il pericolo

L’app non dovrebbe smettere di funzionare, almeno non da subito per chi no ha aderito alle modifiche di termini e condizioni. Il tutto avverrà gradualmente, almeno cosi sembra.