Cadere a causa di buche in strada è una cosa spiacevole che purtroppo può capitare a tutti. Vediamo a chi e in che modo bisogna chiedere i danni per lo spiacevole incidente 

Buche in strada
Fonte Facebook – VareseNews

Le buche sulle strade italiane sono piuttosto numerose. Una piaga difficile da estirpare se non si decide una volta per tutte di rifarle in maniera dignitosa. In attesa di ciò i cittadini devono prestare la massima attenzione per evitare di caderci dentro mentre passeggiano o quando sono in bici o in scooter. 

Si tratta di una tipologia di incidente piuttosto comune visto che non sempre si fa caso alla presenza delle buche. A questo punto non resta che capire come tutelarsi e in che modalità bisogna farlo.

LEGGI ANCHE >>> Una squadra di calcio straniera si compra le nostre autostrade

Cadute a causa di buche in strada: in quali casi è previsto il risarcimento

Il presupposto di base è che responsabilità è della Pubblica Amministrazione che è tenuta alla manutenzione del manto stradale. Quindi se la strada è comunale, l’accaduto è imputabile al Comune, se è provinciale alla Provincia e così via. Questo però avviene se la buca non né prevedibile né segnalata.

Il primo passo da compiere quindi è rivolgersi al proprio avvocato di fiducia, che provvede a costituire in mora l’ente che avrebbe dovuto mettere in sicurezza il tratto di strada in cui è avvenuta la caduta.

Se questo non provvede alla valutazione delle lesioni riportate dal soggetto in questione e di conseguenza all’eventuale risarcimento, si va allo scontro legale e parte il vero e proprio rinvio a giudizio.

Fondamentali ai fini del riconoscimento dell’indennizzo sono i referti medici che appurino la correlazione tra i danni riportati e la caduta a causa della buca. Meglio ancora se ci si può avvalere di un testimone presente sul luogo dell’accaduto, che possa confermare la presenza della buca.

LEGGI ANCHE >>> Autostrade per l’Italia, maxi multa di 5 milioni dell’Antitrust

Laddove non si riesca portare delle prove tangibili dinanzi ad un giudice si può andare in contro ad una beffa clamorosa. Oltre a vedersi rigettare la domanda di risarcimento, bisogna anche pagare le spese legali. Quindi prima di agire è bene procurarsi tutto il materiale utile a dimostrare quanto successo.