Una vicenda che ha dell’incredibile. Il biglietto fortunato e nessuna consapevolezza di essere diventato milionario.

Il gratta è vinci rappresenta sempre di più, nell’immaginario pubblico degli italiani, una delle più evocative immagini legate al successo ed alla soluzione ad ogni problema. Piccole vincite che possono risolvere il problema di uno o più mesi, grandi vincite che possono risolvere una vita intera, e forse anche di più. Dai 100 o 200 euro vinti, cosi al volo, per caso, che possono farci gustare una buona cena al ristorante, o magari pagare una bolletta ai 1000 o 2000 euro che certo, possono risolvere qualche impegno in più.

Non sempre però, si conoscono bene le regole del gioco. Sempre più persone, passano le proprie giornate scovando tra i rifiuti delle ricevitorie il biglietto giusto. In tanti, infatti, non sanno bene come funzioni quel determinato gioco, si aspettano magari di dover scovare quella particolare immagine, ed invece il regolamento diceva tutt’altro. La storia che arriva da Napoli, fa davvero venire la pelle d’oca, certo non per lo spavento, ma per la trama, in se.

LEGGI ANCHE >>> Gratta e Vinci, quando fare benzina ti cambia la vita: ho vinto 500 mila euro, grazie!

Gratta e vinci: trionfa al Turista per sempre ma non lo sa e getta via il biglietto

Il protagonista di questa vicenda, si ritrova un giorno in auto, intento a tornare a casa sua. Prima dell’arrivo però, il consueto caffè accompagnato da un biglietto gratta e vinci, in questo caso il gioco è Turista per sempre. Alla comparsa, per ben due volte, della scritta “turista per sempre” il gioco mette in palio vinci 300.000€ subito + 6.000€ al mese per 20 anni + 100.000€ di bonus finale. Una vita rivoluzionata insomma.

La persona della storia, prende insomma il suo caffè, ed inizia a grattare il suo biglietto. E’intonito dalla stanchezza della giornata, forse poco lucido. Su quel cartoncino, compare per ben due volte la scritta fatidica, ma l’uomo non lo sa, non conosce bene le regole. Crede sia necessaria una terza volta, per potersi dire vincitore. Strappa via il biglietto ed esce. A casa, racconta l’episodio a sua moglie, che quasi impietrita le spiega in realtà che proprio lui, aveva sbancato al Gratta e vinci. Inutile la corsa alla ricevitoria in questione, del biglietto, ormai, non vi era più traccia.