Anche per il 2021 bisognerà presentare la dichiarazione dei redditi. Sono in molti pertanto a chiedersi quali siano le scadenze da ricordare. Entriamo nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Modello 730
Foto: Web

Gli ultimi mesi sono stati segnati dall’impatto del coronavirus che continua, purtroppo, ad avere delle conseguenze sulle nostre esistenze, sia dal punto di vista sociale che economico. Molte famiglie, purtroppo, si ritrovano a dover fare i conti con una difficile gestione del bilancio famigliare. La macchina amministrativa, dal suo canto, continua a lavorare senza sosta. Non a caso, anche per il 2021, bisognerà ovviamente presentare la dichiarazione dei redditi.

A proposito di quest’ultima, ricordiamo, è necessario prestare attenzione ad alcune novità, come ad esempio quelle inerenti l’estratto conto. Quest’ultimo, infatti, si rivela essere necessario per riuscire a dimostrare di aver eseguito correttamente un pagamento, al fine di poter beneficiare della relativa detrazione. Allo stesso tempo bisogna rispettare determinate scadenze. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo quali siano le date da ricordare.

LEGGI ANCHE >> Conto corrente, stangata in arrivo: torna lo spettro della patrimoniale al 10%

Dichiarazione 730, occhio alle scadenze: precompilato disponibile dal 10 maggio

Modello 730 (Fonte foto: web)

Anche per il 2021 si deve fare la dichiarazione dei redditi, per cui bisogna presentare l’apposita documentazione, grazie alla quale poter beneficiare delle relative detrazioni IRPEF. Allo stesso tempo bisogna rispettare determinate scadenze e a tal proposito è bene sapere che il 730 precompilato è disponibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate a partire dal 10 maggio 2021. La data, ricordiamo, era stata precedentemente fissata al 30 aprile, salvo poi essere posticipata appunto al 10 maggio.

Per accedere alla propria dichiarazione precompilata, ricordiamo, non bisogna fare altro che accedere all’Area Riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate. A tal fine è possibile utilizzare le credenziali dispositive INPS, oppure SPID, Carta di Identità Elettronica, CNS o credenziali dell’Agenzia delle Entrate. Di conseguenza è slittata anche la data a partire dalla quale si può inviare la dichiarazione, che è stata quindi fissata al 19 maggio 2021.

LEGGI ANCHE >>> Contributo a fondo perduto: ecco come si compila la dichiarazione dei redditi

Come si evince dal provvedimento numero 113064 dell’Agenzia delle Entrate del 7 maggio 2021, infatti, il contribuente “può inviare telematicamente la dichiarazione accettata o modificata o integrata direttamente all’Agenzia delle entrate a partire dal 19 maggio“. Il modello deve essere quindi presentato entro il prossimo 30 settembre direttamente all’Agenzia delle Entrate, oppure rivolgendosi a un Caf, un professionista delegato o al proprio sostituto d’imposta.