L’assegno unico figli non solo potrebbe slittare e quindi non entrare in vigore in estate, ma anche avere altri importi

Euro (Fonte foto: web)

Il prossimo 1° luglio, salvo imprevisti, andrà in scena per la prima volta, il tanto atteso Assegno unico figli, di cui si parla già da tempo e che andrà a cambiare le sorti, anzi a far sparire i precedenti bonus per le famiglie. Piccola parentesi, se parliamo di imprevisti è perché c’è il rischio che questo bonus possa slittare al 2022.

Per adesso girano le cifre, almeno quelle della bozza, ma tutto potrebbe cambiare. Infatti adesso a chiedere una maggiorazione dell’assegno è la Cisl. E quindi tra le cose che potrebbero cambiare per il nuovo incentivo, c’è proprio l’importo. Capiamo in che modo.

Leggi anche>>> Bonus mobili 2021, doppia opportunità sull’acquisto: i dettagli

Assegno unico: cosa potrebbe cambiare

Ci sono anche diverse cose ancora non chiare per quanto riguarda la prossima indennità che dovrebbe segnare una svolta per il futuro, come l’utilizzo o meno dell’Isee per la richiesta di affiliazione ad esso. Ed anche gli stessi importi non sono ancora conosciuti al cento per cento, ed ecco cosa chiede la Cisl per una maggior equità. Un bonus di 800 euro minimi per tutti coloro che possano aderirvi, più poi degli incrementi legati al reddito.

Vorrebbe dire, una possibile aggiunta di 133 al mese, quindi 1.600 euro in più, e 2.400 euro a figlio, per il 20% delle famiglie con il minor reddito, quindi altri 200 euro al mese. Per quanto riguarda l’Isee invece, ecco quanto si sta proponendo: “Il sindacato ha avanzato la proposta di abbandonare l’indicatore ISEE, che ‘presenta il difetto di contemplare un rilevante peso del patrimonio (con diversi problemi di quantificazione)’, adottando, invece, solo l’Isr, ovvero la sola componente reddituale”.

Leggi anche>>> Dl Sostegni, salta il Superbonus imprese: terremoto in Senato

Ricordiamo che diversi bonus, come già detto, spariranno con l’avvento dell’Assegno unico figli. Infatti i dubbi nascono anche per la procedura di cui avrà bisogno chi vorrà presentare la domanda, mentre alcuni non ne avranno bisogno. Molto vicini all’estinzione, gli assegni al nucleo familiare con tre figli minori; il bonus mamma domani ed il bonus bebè o assegno natalità.