La presenza costante di zanzare, mosce e vespe può essere molto fastidioso oltre che dannosa. Con alcuni trucchetti piuttosto efficaci però si possono mandare via

Zanzare
Fonte Pixabay

Con l’arrivo della stagione calda ecco che si ripresenta il problema insetti, in particolar modo delle zanzare. In questa fase dell’anno tornano numerose a far capolino e naturalmente possono comportare disagi di non poco conto.

Le loro punture possono infatti provocare delle reazioni cutanee molto evidenti e in alcuni casi possono degenerare ancor di più. Senza pensare alle ipotesi più drastiche rimane comunque un problema, già il solo ronzio è un fastidio per l’udito di cui faremmo volentieri a meno.

LEGGI ANCHE >>> Chi vive in Europa presto si ritroverà gli insetti a tavola

Zanzare, vespe e mosche: le tecniche infallibili per debellarle

Eppure grazie a dei metodi assolutamente naturali si possono allontanare in maniera definitiva. Una grossa mano possono darcela alcune piante (calendula, citronella, lavanda), che fungono da repellente contro questo genere di parassiti.

Uno degli errori piuttosto comuni che commettiamo, è quello di pensare che siano attirate dalla luce. Una deduzione non sbagliata, ma che trae in inganno. Le zanzare sono attratte dal calore, quindi anche quando le luci sono spente si focalizzano comunque sul corpo umano che naturalmente ha una temperatura a loro gradevole.

Sconsigliati i ristagni d’acqua nei vasi. Le zanzare praticamente ci “sguazzano”. Stesso discorso per gli ambienti umidi, comprese le ciotole di eventuali animali domestici. 

Lo scenario cambia completamente con le vespe. La soluzione è una sola ed è la più drastica: scovare il nido ed eliminarlo. Le formiche invece sono facilmente stanabili. Polvere di caffè e detersivo possono tamponare il problema senza però risolverlo una volta per tutte.

LEGGI ANCHE >>> Insetti a tavola, per l’Europa si può fare: ecco quali potrebbero finire… nel piatto

Ciò che conta di più è eliminare le briciole che sono la loro attrazione principale. Se poi l’invasione continua non resta che capire da dove provengono e sigillare la via d’accesso con silicone o calce.