Vecchi giocattoli, monete o fumetti: la saga di Star Wars fa tutt’oggi impazzire i fan, affari da migliaia di euro.

Abbiamo già parlato in forma più generica, di quanto possano costare oggi dei vecchi giocattoli che abbiamo conservato negli anni, oggi invece, ci occupiamo di una categoria nello specifico, quelli della saga Star Wars. Sin dall’uscita del primo film ad oggi, i bambini di almeno tre generazioni, hanno conosciuto i giocattoli stellari della saga tutt’oggi incompleta.

In tanti quindi, avranno conservato a casa qualche ricordo, ed ecco a quanto sono stati battuti pupazzi o oggetti, di edizioni speciali. Partiamo da una collezione di vecchie monete “The power of the force”, queste che singolarmente potevano essere acquistate con pochi soldi, oggi valgono centinaia di dollari l’una, se in buono stato.

Un pezzo più unico che raro, è quello di un personaggio secondario della saga, “Yak Face“, di cui un giocattolo particolare, fu ritirato dal mercato, quasi subito dopo l’uscita. Arrivò in pochi pezzi soltanto in Canada ed Europa e per questo è molto ricercato, specie tra i collezionisti statunitensi. Un pupazzo di questo personaggio, nel 2015, è stato venduto per 7.500 dollari.

Leggi anche>>> Se hai uno di questi giocattoli vintage puoi guadagnare cifre da capogiro

Gli altri vecchi giocattoli di Guerre Stellari che oggi valgono un tesoro

Prima di ripartire con la carrellata, controllate in soffitta anche i vecchi videogiochi: alcuni di essi valgono davvero un piccolo tesoro, al giorno d’oggi. Sapevate che il titolo del film: “Il ritorno dello Jedi”, doveva essere La vendetta dello Jedi? Gli amanti della saga sì, ed è per questo che oggi ricercano i primi prodotti venduti con quel titolo, tra giochi e poster, poi cambiati con quello finale. Un poster del genere, è stato venduto persino a 16.000 dollari. Invece il primissimo fumetto della Marvel, il famoso n.1, del 1977 veniva venduto a 30 centesimi. Marvel Comics però fece in secondo luogo un esperimento, vendenedo a 35 centesimi, solo 1.500 copie nel mondo. Ebbene oggi quelle, possono costare moltissimo.

La prima foto di questo articolo presenta una confezione di pupazzi di diversi personaggi della saga. Ebbene, alcune confezioni intatte con 7 mini-figure, vendute durante il lancio di Star Wars V, furono battute nel 2015 a 32.500 dollari. Ma per chi avesse perso la confezione, tranquilli, perché Sears Canada vende anche i singoli personaggi nuovamente imballati. Un altro pezzo particolare, è quello di Vlix, ed è presto spiegato il perché. Questo cattivo, diventò famoso con lo spin-off cartone animato, “Droids”, del 1985, che però andò in onda solo per 13 puntate. Per questo, fu soltanto la marca brasiliana, Glasslite a produrlo e in pochissimi pezzi. Nel 2017, uno di essi fu venduto a milioni di dollari.

Leggi anche>>> Super Mario fa il record… di soldi: cifra mostruosa per un vecchio videogioco

Una cosa curiosa accadde con le prime uscite di questo raro personaggio, non molto amato e diffuso: Snaggletooth. I primi furono erratamente colorati di blu, mentre la sua vera divisa nei film era rossa. Questo errore, fa sì che i primi pochi pezzi in giro, valgano tanto, anche se non migliaia di dollari. Invece, uno dei primissimi pezzi raffiguranti Luke Skywalker, così come per i primi Obi-Wan Kenobi e Darth Vader, erano molto particolari, perché avevano una spada laser telescopica. Prodotti troppo fragili, quelli con questa speciale spada non furono poi più costruiti, dando spazio a spade fatte con materiali diversi, per tutti questi anni. Nel 2015 uno di quegli Skywalker, fu battuto all’asta per 25.000 dollari.

Infine, i preziosissimi giocattoli raffiguranti il tanto amato Boba Fett ed un personaggio tipico per eccellenza, gli Jawa. Fett è tra i più stimati ed amati dai ragazzi, visto il suo animo avventuriero e nonostante non compaia in moltissimi film. Ebbene, una delle prime edizioni-prototipo del cacciatore di taglie, non verniciato, è costato ad un collezionista, 100.000 dollari nel 2017. Per lo Jawa in questione invece, c’è tutta una storia dietro al prezzo altissimo che si potrebbe chiedere, per un pezzo raro. I primi Jawa, furono venduti con un mantello in vinile, sostituito dopo pochissimo, da mantelli in stoffa. Pare, che ci siano solo 10 Jawa originali degli anni ’80, con quel mantello, mentre in tanti hanno provato a compiere una truffa, rifabbricandoli.