Tra i prodotti di Poste di indubbio rilievo c’è la carta di credito BancoPosta Classica, che prevede particolari vantaggi per i possessori. Attenzione ai requisiti da presentare per poterla ottenere: i dettagli e le opinioni di chi l’ha provata.

poste-italiane, pensioni maggio

Tutti conosciamo ed abbiamo sentito parlare di Poste Italiane S.p.A., ossia una delle maggiori aziende italiane, capace di operare trasversalmente sul mercato con una rete di servizi postali; finanziari e di telecomunicazione; bancari; di telematica; di operazioni di riscossione e pagamento e di raccolta del risparmio postale.

Ebbene, qui di seguito vogliamo concentrarci su due particolari prodotti che fanno parte dell’ampio catalogo offerte di Poste Italiane. Ci riferiamo alle carte di credito BancoPosta, ossia delle carte di pagamento emesse da Poste Italiane, divenute celebri in tutta la penisola per le loro caratteristiche peculiari.

Qui di seguito ci concentreremo sulla versione Classica o Standard della Carta, per poi passare alle opinioni dei clienti: che opinioni hanno? si tratta di una scelta che rifarebbero oppure no? Scopriamolo.

Carta di credito BancoPosta Classica: di che si tratta?

I possessori di un conto BancoPosta si trovano davanti alla questione della scelta della carta di credito da abbinare. L’azienda riserva per essi diverse soluzioni, allo scopo di soddisfare le esigenze di non pochi clienti, che sono intenzionati a servirsi di questo mezzo di pagamento.

La carta di credito BancoPosta Classica o Standard rappresenta un mezzo di pagamento flessibile ed adatto ad una molteplicità di situazioni. Inoltre, è facile da gestire in autonomia. La carta di pagamento in oggetto permetterà di comprare in tutti gli esercizi convenzionati Mastercard, giacchè la carta rientra in questo circuito. Sarà dunque possibile comprare sia nel nostro paese che all’estero, ed anche sul web.

LEGGI ANCHE >>> Illimity Bank, che opinioni hanno i clienti? Ecco pro e contro.

Carta di Credito Standard Poste Italiane: a chi si rivolge?

Diverse le categorie di soggetti cui si rivolge la Carta di Credito Standard Poste Italiane. Eccoli nella sintetica rassegna che segue:

  • chi intende organizzare le spese, servendosi del rimborso a rate;
  • chi intende fare acquisti negli esercizi convenzionati Mastercard, inclusi gli store internet;
  • chi vuole avvalersi di coperture assicurative, all’insegna della massima sicurezza per ciascuna operazione;
  • chi vuole un modo agevole e rapido per consultare la lista movimenti sul web o per sms.

Il cliente che ottiene una carta di credito Standard di Poste Italiane potrà gestire le modalità di rimborso correlate alle spese effettuate, servendosi del Servizio Clienti. In ogni momento e in qualsiasi luogo, sarà possibile controllare le spese via internet, con qualche click e senza aspettare minuti.

Quali sono i vantaggi della carta BancoPosta Classica di Poste Italiane?

La carta di credito BancoPosta Classica è emessa dal noto istituto Deutsche Bank e consente al possessore di avere fino a 40 giorni di tempo per poter rimborsare le spese sostenute. Attenzione però: in caso di opzione per il rimborso a saldo, l’interessato potrà contare sul vantaggio di non pagare alcun tipo di interesse. Semplicemente, è necessario fare il login al servizio home banking BancoPosta; verificare le spese e il credito sulla carta.

Non solo. Infatti, la carta di credito BancoPosta Classica è inclusa nel programma “Sconti BancoPosta” , attraverso cui l’interessato potrà ottenere interessanti sconti presso molti punti vendita sparsi per la penisola. Anzi, maggiore sarà l’utilizzo della carta di credito, maggiori saranno i bonus accreditati sul c/c. Per ulteriori informazioni, basta collegarsi al sito web apposito.

Qual è la procedura per ottenerla? Ecco i requisiti

A questo punto, in molti si domanderanno quali sono le modalità per ottenere la carta di pagamento Standard. Ebbene, è necessario recarsi presso un ufficio postale locale, dopo aver aperto un conto. Altrimenti, è possibile seguire la procedura online: basta fare richiesta della carta in oggetto, con una registrazione ad hoc nel sito ufficiale di Poste Italiane.

Attenzione in particolare ai requisiti che danno accesso alla carta, debbono sussistere tutti quelli che seguono.

  • domicilio in Italia;
  • accredito dello stipendio o pensione sul conto corrente di Poste Italiane;
  • non avere un’altra carta di credito BancoPosta;
  • possesso di alcuni documenti personali (carta d’identità, codice fiscale, permesso di soggiorno);
  • un anno di anzianità nell’attività di lavoro e almeno 6 mesi di anzianità di c/c;
  • i lavoratori subordinati devono immettere la fotocopia dell’ultima busta paga;
  • per i lavoratori autonomi è richiesto il modello Unico; la fotocopia dell’iscrizione all’albo o la copia del tesserino; e la fotocopia dell’iscrizione alla Camera di Commercio;
  • i pensionati dovranno indicare il certificato pensione.

L’elevato numero di requisiti non deve stupire, sempre rappresentando la concessione della carta di credito un’operazione piuttosto delicata, anzitutto per l’istituto che la rilascia.

Che cosa comporta la scelta della carta BancoPosta Classica delle Poste?

Appare opportuno ora ricostruire una lista dei numeri di riferimento, per tutti i possessori di una carta di credito Standard Poste Italiane. Ecco dunque cosa ricordare in tema di canone e non solo:

  • Canone annuo pari a 37,00 euro;
  • Quota aggiuntiva annuale pari 25 euro;
  • Estratto conto redatto il 18 del mese;
  • Fido iniziale pari a 1.600 euro;
  • 4% dell’importo di anticipo contanti su sportelli automatici ATM;
  • 28 del mese è il giorno di addebito;
  • Tasso sui pagamenti con rimborso a rate: TAN 13,92% – TAEG 22,33%;
  • Giorno di valuta per addebito: 10 giorni dalla data di emissione dell’estratto conto;
  • 1,20 euro di spese per la spedizione via posta della lista movimenti a livello mensile;
  • Commissione acquisto di carburante: zero euro su importi al di sotto dei 100 euro.

Sul piano della sicurezza, se l’interessato perde la carta di credito oppure gli viene sottratta con un furto, potrà bloccarla telefonando, dall’Italia, al numero 800.207.167; dall’estero invece +39.043.2744106. Il cliente farà sempre bene ad attivare i servizi SMS, in modo da ricevere al telefono tutte le opportune notifiche, che aggiornano sulle operazioni compiute. Non solo: con la registrazione (senza costi) al servizio SecureCode, il possessore della carta di credito Standard potrà contare su una sicurezza ancora maggiore sugli acquisti online.

Carta di credito BancoPosta Classica: le opinioni di chi l’ha provata

A questo punto, focalizziamoci sui pareri dei clienti che hanno optato per la carta di credito Standard di Poste Italiane, in modo da orientare il cliente verso la migliore scelta per le proprie esigenze.

Le recensioni positive di carta di credito BancoPosta Classica di Poste Italiane

I clienti soddisfatti di aver scelto questa carta di pagamento hanno rimarcato soprattutto la facilità d’uso del prodotto e l’estrema ‘versatilità’ della carta di pagamento. Molti utenti sono soddisfatti del fatto che essa permette di fare acquisti in tutti gli esercizi convenzionati Mastercard; pareri positivi anche per quanto riguarda gli acquisti via web.

Anche il servizio Clienti della società ha ricevuto commenti tutto sommato positivi: non pochi utenti hanno sottolineato la competenza e la cortesia degli operatori, per quanto riguarda le problematiche legate all’uso della carta. Non solo: soddisfazione anche per l’inclusione della carta Standard nel programma “Sconti BancoPosta” , con il quale l’interessato potrà ottenere interessanti sconti presso molti punti vendita in Italia.

Opinioni buone anche per quanto riguarda il fattore sicurezza, giacchè in molti elogiano l’efficacia delle garanzie contro i rischi (come ad es, il furto), previste da Poste Italiane.

LEGGI ANCHE >>> IW Bank: i clienti si dividono. Conviene oppure no?

Le recensioni negative di carta di credito BancoPosta Classica di Poste Italiane

Tra i pareri negativi di chi ha provato la carta di credito Standard di Poste Italiane, fondamentalmente c’è chi sottolinea la scarsa accessibilità dei costi, specialmente se confrontati con quelli di alcune alternative di altri istituti.

Qualche commento negativo anche per quanto riguarda il servizio Customer care, non sempre evidentemente all’altezza della situazione prospettata dal cliente e non sempre in grado di offrire soluzioni di facile comprensione o adeguate alle circostanze.

C’è altresì chi ha fatto notare che la carta in questione non è adatta alle aziende e chi ha puntato il dito contro il rigore dei requisiti per ottenerla, ma si sa che la procedura di rilascio di una carta di credito comporta sempre molte verifiche da parte del soggetto emittente.