Un sistema di raggiro che negli anni Venti arrivò a mietere 40 mila vittime. Oggi è una truffa ancora largamente usata. Ecco come riconoscerla.

Schema Ponzi guadagno illegale
Foto di Gerd Altmann da Pixabawy

Un guadagno da 65 miliardi di dollari che ha poi preso le sembianze ben meno edificanti di 150 anni di carcere. Tanto è toccato a Bernard Madoff, detto Bernie, finanziere americano che raccolse guadagni stratosferici utilizzando un sistema chiamato Schema Ponzi. Illegale, truffaldino, che all’epoca della sua piena attuazione da parte del suo ideatore, Charles Ponzi (anni Venti), arrivò a mietere 40 mila vittime. E le miete ancora oggi, usatissimo per fare soldi in modo rapido, seppure con la consapevolezza di essere in pieno illecito. Usato perché c’è chi ci cade ancora, dietro la promessa di accumulare un ingente guadagno in tempi brevissimi.

Un antidoto c’è, ed è anche semplice: mai cedere alle lusinghe di chi promette denaro facile. Al 90% (forse anche 100) si tratta di una truffa. Utile per farseli sfilare i soldi anziché accumularli. E il metodo in questione in questo è maestro. A chi investiva nel suo sistema, Ponzi prometteva un rendimento del 50% in 3 mesi. Ci mise poco più di 10 anni ad accumulare una fortuna basandosi su un semplicissimo metodo: il sistema che permetteva di generare denaro non esisteva. I rendimenti erano pagati con i soldi di altri investitori.

LEGGI ANCHE >>> Truffa scarpe di lusso contraffatte: come riconoscere i siti fake

Guadagni enormi ma è una truffa in grande stile: il pericoloso Schema Ponzi

A sentirla così sembrerebbe una vicenda da uno di quei film incentrati sulle grandi truffe finanziarie. Invece lo Schema Ponzi è una realtà lontana nel tempo ma estremamente vicina, vista la sua “popolarità” fra i truffatori. Negli Stati Uniti, tre persone avrebbero deciso di applicarlo proprio di questi tempi, affermando di essere a conoscenza di un metodo con cui stimolare guadagni facili. Convinte delle persone a farsi affidare i loro risparmi (100 in poco più di un anno), hanno accumulato qualcosa come 35 milioni di dollari. Quanto basta per farli indagare tutti e tre per truffa.

LEGGI ANCHE >>> Il curioso motivo per cui lo Stato “perdona” gli spacciatori di droga

La promessa di rendimenti sopra la media, naturalmente, altro non è che fumo negli occhi. Si tratta infatti di uno schema piramidale, con guadagni generati da soldi illegali, tutt’altro che derivanti da rendite o interessi maturati. Indizi che restano sufficienti per scansare qualsiasi tipo di promessa di questo tipo. I soldi non si guadagnano facilmente, nemmeno in ambiti come i mercati finanziari, dove ci vuole la giusta dose di competenza. Promesse di tornaconti facili vanno sempre verificati al massimo. E se possibile, evitando di prestargli orecchio.