Stellantis, nasce ancora una collaborazione per accelerare la conoscenza e l’uso della mobilità elettrica: ecco l’ultima

stellantisLa realtà dovuta all’unione tra Fiat e Peugeot, quotata in borsa dal gennaio 2021, Stellantis, lancia l’ultima novità. Un vero e proprio fiume in piena l’azienda dell’auto del futuro, che muove ancora un passo verso l’elettrico, che appunto invaderà man mano le nostre città, nel campo della mobilitazione.

Nasce infatti, un ulteriore progetto futuristico, Free2Move e Solutions, che potrebbe cambiare il mondo dell’economia, unendo proprio le forze di Stellantis, con quelle di Engie Eps. Il nuovo progetto, viene creato apposta per una futura guida alla transizione dal presente, alla mobilità elettrica.

Leggi anche>>> Auto e tecnologia: ecco l’assistente vocale di Google sulle 500

Stellantis ed Engie Eps: in cosa consiste il progetto

Il primo incontro tra Roberto Di Stefano, ceo proveniente da Stellantis, con Carlalberto Guglielminotti di Engie Eps e Young Global Leader 2020 del World Economic Forum, si è tenuto subito dopo l’ufficialità della stesura del contratto. Faranno parte del Consiglio d’amministrazione della nuova collaborazione, Brigitte Courtehoux che è ceo di Free2Move Brand e membro del Global Executive Committee di Stellantis, ed il Deputy Chief Operating Officer Enlarged Europe, Davide Mele di Stellantis.

A seguire, nell’organigramma entrano anche Luigi Michi e Giovanni Ravina a rappresentare la società Engie Eps. Poi, proprio Guglielminotti e Di Stefano si sono lanciati nell’annuncio che l’attività della nuova società è di fatto già partito ed è presente sul campo.

Leggi anche>>> L’auto senza guidatore di Elon Musk è andata a sbattere contro un albero

Obiettivo quello di una maggiore e più veloce conoscenza e di fatto, diffusione della possibilità di mobilità elettrica. Stellantis, si muove ancora, dopo aver creato il premio per i guidatori che rispettano l’ambiente. I prodotti Free2Move infatti, saranno completamente dedicati alla mobilità di tipo elettrico. Ci sono gli eFast, per la ricarica rapida, con le second-life-battery che uniscono le tecnologie più nuove alla sostenibilità, esse possono essere beneficiate da stazioni di servizio, ma anche hotel, edifici commerciali e veicoli elettrici, naturalmente.