A Roma arriva il primo ristorante senza limiti dedicato alla cucina romana. Vediamo dove apre, che piatti e che prezzi propone al pubblico

Cucina romana
Fonte Pixabay

Solitamente quando si viene a sapere dell’apertura di un ristorante “all you can eat” (ovvero quello in cui puoi mangiare finché vuoi) si pensa sempre ad un giapponese, ad altre cucine straniere o al massimo alla pizza.

Mai si potrebbe immaginare di ritrovarsi di fronte dei piatti tipici della tradizione italiana, che solitamente si apre di rado a questo genere di esperimenti. Stavolta però è in arrivo una grande novità, visto che è ormai prossima l’apertura di una ristorante decisamente tipico che adotterà la soluzione sopracitata.

LEGGI ANCHE >>> È giusto chiedere di non pagare il conto al ristorante? In alcuni casi si può

Primo ristorante all can eat dedicato alla cucina romana

Si chiama “Senza Fondo” il locale che apre i battenti venerdì 30 aprile 2021 in via Teatro della Pace, nei pressi di piazza Navona e dispenserà ai suoi clienti le prelibatezze della cucina romana. Proporrà pranzi e cena senza limiti a base di carbonara, amatriciana, gricia e cacio e pepe. 

Il corposo menù prevede anche pasta e ceci, penne all’arrabbiata, bruschette, focacce, supplì, filetti di baccalà, pizza e saltimbocca alla romana, trippa e polpette al sugo. I prezzi sono in linea con quelli che propongono questo genere di attività, ovvero 19,50 euro a pranzo e 22,50 euro a cena, domenica e festivi. 

Una idea decisamente simpatica e al tempo stesso rischiosa visto il particolare periodo. Inoltre la zona è decisamente turistica, motivo per cui sarà importante un ritorno alla mobilità nei prossimi mesi.

LEGGI ANCHE >>> Titì, fotomodella per necessità: “Mi spoglio per salvare il nostro ristorante”

Una sfida che non spaventa per niente i gestori e fondatori Diana Russo e Luciano Rufino, che puntano naturalmente anche sulla tipicità del posto che richiama l’osteria romana del tempo, quella in grado di far sentire a casa i commensali. Il tocco finale sono le ricette che evocano quelle di zii e nonni, che un tempo sfamavano le famiglie dellUrbe Eterna in questo modo, in particolare nei giorni di festa.