Il reddito di cittadinanza costa davvero tanto all’Italia. Una sola città, prende i soldi di tutto il nord Italia.

Reddito di cittadinanza

Una notizia davvero incredibile che arriva dal fronte reddito di cittadinanza. Non si tratta della solita scoperta di persone che non dovrebbero percepire la misura di sostentamento lanciata dal primo Governo Conte, quello sostenuto anche dalla Lega di Matteo Salvini, ma di ben altro. Cresce il numero delle persone che beneficiano del sussidio statale. Cresce al sud, soprattutto al sud, con la città di Napoli che costa, quanto tutto il nord Italia.

L’Inps con un comunicato stampa dello scorso 27 aprile, ha reso note le cifre relative all’erogazione della misura in questione nel mese di marzo 2021. Il numero di coloro che usufruiscono del reddito di cittadinanza si attesta sulle seguenti cifre: 1,8 milioni di precettori nel sud Italia, 452 mila nel nord  e 334mila nel centro del paese. La regione con il maggior numero di precettori è la Campania, che prende il 22% del totale.

LEGGI ANCHE >>> L’Italia chiede il reddito di cittadinanza e poi compra lo smalto di Fedez

Reddito di cittadinanza: il dato manifesta una situazione molto preoccupante

Se questo dato dovesse realmente tastare il polso del paese, possiamo renderci conto della disparità occupazionale non marcata, ma molto di più, che c’è tra le varie aree geografiche del nostro paese. Una sproporzione assoluta tra sud e nord, ma anche tra sud e centro. Numeri che danno la sensazione che qualcosa non funzioni, che di questo passo, la disparità almeno nell’ambito occupazionale sia complessa da gestire e superare.

A Napoli, ad esempio a marzo, a percepire il reddito di cittadinanza sono state 157mila famiglie, coinvolgendo circa 450mila persone in tutto. In tutto il nord Italia, invece a percepire il reddito di cittadinanza sono state circa 224mila famiglie, con anche in questo caso, circa 450mila persona coinvolte.

LEGGI ANCHE >>> Vince 110 mila euro ma prende lo stesso il reddito di cittadinanza per giocare

I numeri, insomma, ci raccontano una realtà impietosa, costretta a vivere di sussidio statale, spesso elargito anche indebitamente, cosi come confermano le varie indagini portate avanti dalle forze dell’ordine. Il paese è malato, e questa disparità, ne è la prova più evidente.