Uno degli uomini più ricchi del pianeta ha espresso la sua opinione sulla fine del covid e il ritorno alla normalità. Ecco quando avverrà secondo la sua “profezia”

Covid
Covid (Fonte foto: web)

Quando finirà definitivamente il covid? Quando torneremo alla normalità? Questi due interrogativi ormai da un anno accompagnano i cittadini di tutto il mondo, desiderosi di ritornare alle loro vite così com’erano prima della pandemia. 

Allo stato attuale non può esserci una risposta certa anche se qualche piccolo spiraglio di luce inizia ad intravedersi. Medici, virologi e scienziati in qualche modo provano a dire la loro, ma a quanto pare non sono gli unici ad indicare le date della fine del maggior incubo della storia recente.

LEGGI ANCHE >>> Lavoro: iniziano a sbloccarsi i concorsi sospesi dal Covid

Covid: quando si tornerà alla normalità secondo Bill Gates

Bill Gates
Bill Gates

Anche Bill Gates fondatore di Windows, uno degli uomini economicamente più potenti del globo, ha voluto fare la sua previsione. Non è la prima volta che il ricco statunitense azzarda una profezia. Stavolta ha fissato come data la fine del 2022. 

Questo ragionamento è frutto del successo della campagna vaccinale in alcuni grandi paesi come Usa e Regno Unito, a cui però si contrappongono nazioni come il Brasile dove i numeri sono ancora piuttosto bassi (basti pensare che molti over 60 ancora non hanno ricevuto la prima dose).

Per effetto di queste considerazioni per tutto il 2021 e gran parte del 2022 dovremo ancora convivere con il virus, che però sarà più gestibile. Una scossa importante potrà darla una distribuzione più equa dei vaccini, cosa che finora non sta accadendo.

LEGGI ANCHE >>> Covid, tra contagi e futuro incerto: 6 milioni di italiani “hanno paura di tutto”

Il suo auspicio è che una volta tornate alla “normalità”, le persone non dimentichino quanto accaduto, sia per quanto concerne i numerosissimi morti e sia per gli ingenti danni economici che l’emergenza sanitaria ha provocato. È fin troppa la gente che si è ritrovata in condizione di indigenza a seguito di questo caos globale.