La truffa, sempre la stessa che inganna le vittime con i falsi link e le false richieste di rivedere le proprie posizioni.

Truffa on line
Truffa on line (Adobe)

La truffa che ha colpito una 30enne residente a Parma ha dell’incredibile per le modalità e la tempistica. Qualcosa di già visto, di già letto, qualcosa che risponde pienamente a ciò che in genere ci raccontano gli stessi istituti di credito. Fare attenzione ad e mail ed sms, insomma. Niente di più semplice in teoria, ma in pratica molto più complesso perchè quasi sempre il tutto avviene quando meno te l’aspetti e quindi ingenuamente, noi, tutti caschiamo nel tranello.

La donna, riceva un sms, con la solita raccomandazione di procedere all’ingresso nel proprio profilo bancario o postale per ricontrollare dati e quant’altro. All’interno del messaggio il solito link sul quale cliccare per accedere alla home page della vostra banca o di poste. L’ingresso con le vostre credenziali, su una pagina che nel frattempo sarà quella che il truffatore ha aperto per voi, ed il gioco è fatto. La donna, ci è cascata in pieno.

LEGGI ANCHE >>> Il nuovo che avanza: la start up è una colossale truffa

Truffa alle Poste: come difendersi dai soliti tentativi dei malintenzionati

Compiuta l’operazione, che immaginava fosse stata richiesta da Poste Italiane, la donna si è vista contattare dagli stessi uffici dell’azienda riguardo alcuni movimenti anomali compiuti attraverso l’utilizzo della sua carta di credito. Movimenti che hanno portato ad una spesa complessiva di 3900 euro. La donna, chiaramente ha negato tali operazioni, e quindi si è subito immaginata la truffa. Ipotesi, sospettata, chiaramente da Poste Italiane.

La donna ha quindi direttamente verificato la sparizione della consistente somma di denaro dal proprio conto corrente ed avvisato le autorità competenti. I truffatori sono stati dunque identificati dopo una serie di accertamenti condotti dalla Stazione di Polizia di Pancrazio.

LEGGI ANCHE >>> L’Sms del pacco in giacenza DHL è una truffa: non apritelo

Ennesima vittima, dunque del solito gioco ardito dai truffatori nei confronti di vittime ignare, alle quali sempre più spesso vengono sottratte ingenti somme di denaro. Basterebbe, a volte, soltanto un minimo di lucidità, ma purtroppo non è sempre, tutto cosi facile.