Attenti agli sms truffa. Sempre più persone, infatti, rischiano di imbattersi in finti messaggi attraverso i quali dei malintenzionati svuotano il conto corrente del malcapitato di turno.

Sms truffa
Sms truffa (Adobe)

A causa del Coronavirus abbiamo dovuto cambiare molte nostre abitudini. Ne sono un chiaro esempio il coprifuoco, ma anche il distanziamento sociale e l’utilizzo delle mascherine. Ma non solo, anche il modo di vivere le relazioni è cambiato, con sempre più persone che preferiscono utilizzare strumenti tecnologici, grazie ai quali poter inviare mail, sms, ma anche messaggi social e utilizzare app di messaggistica istantanea. Un modo facile e veloce per restare in contatto con amici, parenti e aziende anche se fisicamente distanti.

In grado di offrire tantissimi vantaggi, però, questi strumenti si rivelano essere spesso anche un nuovo mezzo per mettere in atto delle truffe, appositamente create da dei malintenzionati. Ne sono una chiara dimostrazione la truffa del codice a sei cifre di Whatsapp, oppure la stipula di assicurazioni auto che si rivelano essere inesistenti. Ma non solo, sempre più persone si ritrovano, purtroppo, a dover fare i conti con degli sms truffa, attraverso i quali dei cyber criminali riescono a svuotare il conto del malcapitato di turno. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa sta succedendo.

LEGGI ANCHE >>> Whatsapp, attenti alla truffa: in questo modo vi rubano i soldi

Conti correnti, con un sms vi svuotano il conto: cosa sta succedendo

Boom di raggiri a Latina, dove un gruppo di cyber criminali riesce a svuotare i conti correnti dei malcapitati di turno con un semplice sms. Da circa un paio di mesi almeno una ventina di persone residenti a Latina è finita nel mirino di alcuni truffatori in grado di ottenere il pin di carte di credito e bancomat con un semplice sms. Come si evince da Latina Oggi, infatti, si tratta di una truffa studiata fin nei minimi particolari, con le vittime che ricevono un sms che informa di alcune anomalie o problemi con l’home banking.

Un messaggio che sembra giungere dall’istituto di credito dove si ha il proprio conto corrente, salvo poi scoprire che nella realtà dei fatti non è così. A corredo del messaggio, inoltre, un link, attraverso il quale viene chiesto di inserire alcuni dati sensibili, tra cui password, username e codice fiscale. Proprio l’invio di questi dati permette ai truffatori di accedere facilmente al conto corrente del destinatario del messaggio. Ma non solo, poco dopo la vittima riceve una telefonata da parte di un finto operatore che conferma la presenza di alcune anomalie e che ci vorranno almeno tre ore per riuscire a risolvere la situazione.

LEGGI ANCHE >>> La banca non manda sms! Che fine fanno i nostri soldi se ci truffano?

Si tratta, in realtà, del tempo necessario ai cyber criminali per riuscire a prelevare del denaro. Un raggiro che ha fatto cadere nella trappola già un bel po’ di persone, che hanno registrato degli ammanchi tra i 900 e i 5 mila euro. Ovviamente, una volta accortosi dell’accaduto, le vittime hanno provveduto a sporgere denuncia, con gli agenti che stanno quindi svolgendo le opportune indagini.