Ha destato particolare interesse la storia di un uomo che si è visto accreditare una somma da capogiro grazie ad un assegno “fasullo” trovato nella cassetta postale. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

A partire dalle bollette da pagare, passando per l’alimentazione, fino ad arrivare alle varie spese quotidiane, sono davvero tante le volte in cui ci ritroviamo a dover mettere mano al portafoglio. Proprio per questo motivo non stupisce il fatto che siano davvero tante le persone a sperare in un colpo di fortuna in grado di cambiare per sempre la propria vita.

Inutile sottolineare che sono davvero rari i casi in cui la dea bendata decide di bussare alla propria porta. Eppure, spesso accade, riuscendo in questo modo a stravolgere la vita di chi si ritrova a vivere queste situazioni. Lo sa bene un uomo che dopo aver trovato un assegno “fasullo” nella sua cassetta postale, si è visto accreditare una cifra da capogiro. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa è successo.

LEGGI ANCHE >>> Dallo smartphone agli occhiali: tutti i bonus mai partiti

Trova un assegno falso nella cassetta postale e incassa 95 mila dollari: la storia di Patrick Combs

Reddito di Emergenza

Capita spesso di aprire la propria cassetta delle lettere e trovare al suo interno lettere e volantini di vario genere. Ne sono un chiaro esempio alcuni opuscoli pubblicitari, in grado di attirare l’interesse del destinatario di tale comunicazione, attraverso ad esempio dei finti assegni al portatore. Documenti del tutto fasulli, che ovviamente non danno diritto ad alcuna somma di denaro.

Eppure in alcuni casi la realtà è in grado di superare la finzione, finendo per dare vita a storie davvero incredibili. Lo sa bene Patrick Combs che, nel 1995, ha trovato nella buca delle lettere proprio uno di questi finti assegni. All’epoca dei fatti aveva solo 200 dollari sul conto, quando ad un certo punto la sua vita è cambiata per sempre. Dopo aver ricevuto un a casa un grosso assegno dal valore di 95.093,35 dollari, infatti, ha ben pensato di andare in banca per vedere quale sarebbe stata la loro reazione.

Ebbene, il cassiere ha incassato l’assegno in questione come se niente fosse, con Combs convinto del fatto che il dipendente fosse stato semplicemente allo scherzo. Qualche giorno dopo, però, l’incredibile scoperta. Oltre 95 mila dollari, infatti, erano stati accreditati sul conto. L’assegno, infatti, era perfettamente legale e soddisfaceva tutti i requisiti per poter essere incassato. Nonostante fosse un assegno “falso”, infatti, chi lo aveva riprodotto era stato talmente bravo da renderlo legale. L’uomo ha comunque deciso di non utilizzare questi soldi, fino a quando non avesse avuto la sicurezza che nessuno avrebbe potuto richiederli.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegni: fondo perduto con autocertificazione, ma attenti ai controlli serrati

Una vicenda che in effetti si è verificata qualche tempo dopo, con la banca che ha chiesto la restituzione del denaro. Combs, però, aveva tutto il diritto di tenere con sé quel denaro, in quanto a commettere l’errore era stato l’istituto. Alla fine però, ha deciso di restituire la somma ricevuta, vedendo in tale gesto una nuova direzione della propria vita. E in effetti così è stato, con Combs che è diventato un noto oratore motivazionale e autore di successo.