Incredibile passo indietro dell’amministratore delegato Maximo Ibarra. Un’altra tegola per Sky dopo il flop sui diritti tv.

Maximo Ibarra Sky
Foto: Web

Periodo complicato per Sky, soprattutto in Italia. L’amministratore delegato della società tricolore controllata da Comcast, Maximo Ibarra, compie un clamoroso passo indietro. Dimissioni che arrivano inattese, come un colpo di martello dopo aver già dovuto ingoiare il rospo del flop dei diritti tv. Notizia che arriva con un comunicato interno, nel quale si spiega che Ibarra ha maturato la decisione “per affrontare una nuova sfida professionale”. Spiegando comunque che “resterà in azienda fino a fine luglio“. Un fulmine a ciel sereno ma tant’è.

Ora, per Sky Italia, parte la ricerca di un nuovo amministratore delegato, anche se Ibarra ha confermato che resterà in sella fino a che non ne verrà nominato uno. “Nell’ultimo anno – ha ricordato Ibarra – non ho potuto passare, come avrei voluto, del tempo in Italia a causa del Covid e non vedo l’ora di esserci più spesso per aiutare la squadra, insieme a Karl, in questa fase di transizione“. Ringraziamenti di rito ma una sostanza che non cambia. Dopo lo smacco subito nella corsa ai diritti tv, con il soppiantamento subito da Dazn e il caos Super League che getta qualche ombra anche sul piano Champions, ora arrivano le dimissioni inattese.

LEGGI ANCHE >>> Dazn Sky: la battaglia per i diritti tv non è ancora conclusa

Sky perde un altro pezzo: la decisione di Ibarra

E pensare che, solo poche settimane fa, nel corso di un’intervista Maximo Ibarra sembrava aver allontanato l’ipotesi di un addio, anche in virtù del momento così così dopo vent’anni di leadership assoluta di Sky Italia. Ora, per il quasi ex ad, si starebbero spalancando le porte di Engineering, la società romana di sviluppo di software e tecnologie per le imprese. Un passaggio che, a quanto pare, sarebbe stato confermato indirettamente dallo stesso Ibarra con il suo comunicato.

LEGGI ANCHE >>> Dazn frega Sky e gli abbonati insorgono: ma c’è qualcuno che ride

In ballo, ci sarebbe la rivoluzione digitale. Quella che sta accompagnando il mondo in pandemia e che, attraverso la partnership con Engineering, Ibarra sarebbe pronto a veicolare verso nuove frontiere dello sviluppo. Accanto a lui, si parla di nomi come NB Renaissance Partners e il gruppo Neuberger Berman. Si vedrà.