Anche quest’anno bisognerà presentare la dichiarazione dei redditi e per questo motivo interesserà sapere che è possibile beneficiare di detrazioni fiscali fino al 35%. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Modello 730
Foto: Web

Gli ultimi mesi saranno indubbiamente difficili da dimenticare per via dell’impatto negativo del Covid sulle nostre vite, che ci ha portato a cambiare molte nostre abitudini. A partire dall’utilizzo delle mascherine, passando per il distanziamento sociale, fino ad arrivare al coprifuoco, infatti, sono davvero tanti gli accorgimenti a cui dover prestare attenzione. Se tutto questo non bastasse, la macchina amministrativa continua a lavorare senza sosta e anche per il 2021 bisognerà presentare la dichiarazione dei redditi.

In tal senso è bene ricordare che è necessario prestare attenzione ad alcune importanti novità, come ad esempio quelle inerenti l’estratto conto. Quest’ultimo, d’altronde, si rivela essere un documento fondamentale per poter dimostrare la corretta esecuzione di un pagamento e ottenere la relativa detrazione fiscale. Ma non solo, in determinati casi è possibile beneficiare di vantaggiose detrazioni fiscali fino al 35%. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Contributo a fondo perduto: ecco come si compila la dichiarazione dei redditi

Dichiarazione 730, ottenere detrazioni fiscali fino al 35% è possibile: tutto quello che c’è da sapere

Modello 730 (Fonte foto: web)

Anche per il 2021 bisognerà presentare la dichiarazione dei redditi e a tal fine si dovranno presentare gli appositi documenti. Grazie a quest’ultimi, infatti, è possibile beneficiare delle relative detrazioni IRPEF che, in alcuni casi, possono arrivare fino al 35%.

Oltre alle spese mediche e veterinarie, che consentono di ottenere detrazioni del 19%, infatti, grazie al modello 730/2021 è possibile beneficiare di detrazioni e deduzioni in caso di erogazioni liberali effettuate nel corso del 2020. Chi ha destinato parte delle imposte in favore di ONLUS o organizzazioni di rilevanza sociale, quindi, può segnalarlo all’interno del Quadro E, Sezione I, righi da E1 a E14.

LEGGI ANCHE >> Conto corrente, stangata in arrivo: torna lo spettro della patrimoniale al 10%

Si potrà così beneficiare di una detrazione di imposta che può essere del 19%, del 26% o del 30% per le erogazioni liberali destinate a ONLUS e APS. Tale detrazione sale fino al 35% in presenza di erogazioni a favore di organizzazioni di volontariato, per versamenti fino ad un massimo di 30 mila euro.