Sembrava tutto pronto anche per i nuovi beneficiari, invece ci sarà ancora da aspettare per qualcuno. Ma il bonus arriverà, questo pare certo.

Bonus
Bonus

Sembrava tutto pronto per l’erogazione dei bonus da 2.400 euro, previsti dall’ultimo Decreto Sostegni. Un contributo atteso, utile, pur nella sua provvisorietà naturalmente. Anche perché si tratta di un fondo complessivo pensato per coloro che le difficoltà economiche dovute al coronavirus le hanno vissute in modo più marcato. Al momento, però, sembra esserci qualche intoppo in relazione all’erogazione, non tanto in senso generale quanto per i nuovi beneficiari inclusi dall’Inps. Il problema, per loro, sarebbe che l’Istituto non avrebbe ancora reso note le modalità di inoltro della domanda. Il che, naturalmente, pone un grosso freno alla distribuzione delle risorse.

Da ricordare che il provvedimento era stato pensato per i lavoratori impiegati stagionalmente nel turismo e negli stabilimenti termali, ma anche per coloro che operano nel settore del teatro e dello sport. Inoltre, nel novero dei beneficiari rientrano anche gli autonomi occasionali, coloro che non sono in possesso di una Partita Iva, quelli iscritti alla Gestione separata e coloro non iscritti a diverse forme previdenziali obbligatorie. Per quanto riguarda i nuovi aventi diritto, il bonus era destinato proprio ai lavoratori del settore dello spettacolo, “con almeno trenta contributi giornalieri versati dal 1° gennaio 2019 alla data di entrata in vigore” del provvedimento.

LEGGI ANCHE >>> Pensioni Inps: quello che gli italiani non avrebbero voluto sapere

Bonus 2.400 euro, c’è un intoppo: mancano le istruzioni

Al momento però, proprio quando sembrava tutto pronto a partire (lo scorso 9 aprile erano state date le disposizioni Inps), arriva una parziale frenata. Il problema riguarda proprio le disposizioni per l’accesso al bonus, a oggi a quanto pare ancora non diramate. In pratica, gli stanziamenti ci sarebbero pure ma non sarebbe ancora chiaro in che modo chiederli in dote. Non un problema da poco, anche se l’Inps avrebbe già fatto sapere di essere pronto a a pubblicare già durante questa settimana tutte le istruzioni necessarie. Con qualche giorno di ritardo sulla tabella di marcia, però.

LEGGI ANCHE >>> Inps, ecco il Modello ObisM: di cosa si tratta e perché è così atteso

Proprio per questo, secondo alcune voci, si potrebbe procedere con una proroga del termine per la presentazione delle domande (per ora previsto il 30 aprile prossimo). Naturalmente occorrerà una comunicazione ufficiale dell’Inps per chiarire quando, effettivamente, si potrà cominciare a parlare di un’erogazione imminente. L’obiettivo è farlo al più presto, anche perché, a onor del vero, a chi già aveva percepito il bonus, la nuova tranche ha già iniziato ad arrivare.