Se rientri in una determinata categoria d’età, puoi ricevere l’esenzione del canone Rai. Tutto quello che c’è da sapere.

Canone Rai in via di cancellazione per qualcuno: ipotesi stralcio arretrati
Rai (Fonte foto: web)

Torniamo a parlare ancora una volta del famoso e temuto canone Rai. Nel precedente articolo Canone Rai: quando non pagarlo? Tutto quello che cè da sapere abbiamo affrontato le situazioni in cui è possibile non pagare la tassa sulla tv; oggi cari lettori, vi parleremo di un ulteriore esenzione riguardo l’imposta Rai: con specifici requisiti di età, si può non pagare il canone sull’apparecchio televisivo.
Scopriamo insieme quanti anni bisogna avere.

Quanti anni bisogna avere per non pagare il canone Rai?

Tutti coloro che abbiano compiuto settantacinque anni d’età, con un reddito familiare annuo non superiore a 8.000 euro e sono esenti dal pagamento dell’imposta Rai. Scaricando l’apposito modello dal sito dell’Agenzia delle Entrate, si attestano il possesso dei requisiti per essere esonerati dal pagamento del canone TV.

LEGGI QUI >>> Mondiali 2022 a Rai e Amazon: le cifre

Requisiti per ottenere l’esenzione Canone Rai

Si può richiedere se nell’abitazione di residenza si possiedono uno o più apparecchi televisivi, mentre non si può farlo nel caso in cui l’apparecchio tv sia ubicato in luogo diverso da quello di residenza. Per poterne usufruire, non  si deve convivere con altri soggetti che sono titolari di reddito, ad eccezione del coniuge.

LEGGI QUI >>> Bonus affitto: 1.200 euro se paghi il canone, i requisiti

I soggetti che hanno pagato il canone TV, pur essendo in possesso dei requisiti previsti, possono chiederne il rimborso mediante il modello per la richiesta di rimborso che contiene anche la dichiarazione sostitutiva attestante la sussistenza delle condizioni e dei requisiti che danno diritto all’esenzione.

I soggetti che hanno presentato la dichiarazione sostitutiva, se le condizioni di esenzione permangono, possono continuare a beneficiare dell’agevolazione anche nelle annualità successive, senza procedere alla presentazione di nuove dichiarazioni. Qualora si modificassero i requisiti attestati nella dichiarazione precedente, è necessario presentare la dichiarazione di variazione dei presupposti.