Il fortunato vincitore ha azzeccato una cinquina al Superenalotto piuttosto remunerativa, ma si è fermato propri ad un numero dal Jackpot di 136 milioni di euro

Superenalotto

Vincere al Superenalotto è sempre una gran soddisfazione, ma alle volte può lasciare l’amaro in bocca visto che la differenza tra una cinquina e un sei può essere abissale. È ciò che è capitato ad un fortunato giocatore friulano della che ha azzeccato ben cinque numeri al concorso del 13 aprile. 

La schedina è stata giocata in un’edicola di via XX Settembre a Roveredo in Piano. Il titolare dell’attività ad un certo punto ha pensato che l’uomo fosse ignaro della vincita, ma seppur in ritardo si è poi presentato con il biglietto vincente. 

LEGGI ANCHE >>> Superenalotto da urlo, l’estrazione che cambia la vita, i numeri vincenti

Superenalotto: quanto ha intascato il fortunato vincitore

Nello specifico la combinazione vincente era: 1, 36, 48, 63, 68, 67, numero Jolly 23, Superstar 36. Ad aver centrato cinque di questi numeri sono stati ben 8 in tutta Italia, tra cui appunto questo misterioso signore, che si è reso conto del tutto solo dopo un’accurata revisione con il giornalaio. 

Si è portato a casa 25.850 euro. Niente male per essere soldi vinti tramite un gioco. Il rammarico però c’è. Con un solo numero in più avrebbe sbancato il Jackpot che attualmente è a quota 136 milioni di euro. Non si può avere tutto dalla vita però, già mettere le mani su una cifra così ingente senza aver versato una goccia di sudore ha un gran valore.

E pensare che fino alla metà di gennaio la suddetta attività non era abilitata alle giocate del Superenalotto. La novità è stata introdotta dal titolare per far fronte alla crisi generata da covid-19. Un modo per racimolare qualche soldo in più.

LEGGI ANCHE >>> Superenalotto, 137 milioni di sogni: i numeri della svolta

Una decisione che ha portato bene visto che si sono registrate diverse vincite, anche se mai così importanti come quest’ultima. Solitamente i fortunati passano dal rivenditore per festeggiare insieme il lieto evento. Altri per rimanere nell’anonimato (soprattutto nei piccoli centri) si recano direttamente presso la sede centrale di Milano per convertire la giocata in denaro.