Tantissimi colpi messi a segno. Utenti truffati con estrema facilità e soldi fatti sparire alla buona praticamente ovunque.

Truffa on line
Truffa on line (Adobe)

Truffe on line a valanga, decine e decine di utenti truffati con vendite fasulle ed altri tipi di raggiri. La banda agiva indisturbata e i proventi delle truffe finivano attraverso carte prepagate anche ad ignari parenti, ovviamente, il tutto veniva poi riscosso. Un giro ben organizzato ai danni degli utenti finali che inconsapevolmente finivano nel mirino della banda senza alcuno scrupolo. Il gioco adesso è finito e la banda è stata sgominata.

La banda, sgominata dai carabinieri di Correggio, dopo la segnalazione di un uomo del posto. Da li, la denuncia a tre catanesi, già noti alle forze dell’ordine. Le indagini hanno portato alla luce un giro molto complesso di truffe, in cui ognuno faceva la sua parte. Uno dei complici addirittura sondava la psiche dei clienti che spesso venivano costretti a versare caparre per l’acquisto di fantomatici prodotti. Il tutto era ovviamente una truffa.

LEGGI ANCHE >>> Denise Pipitone: hanno truffato i sentimenti di una madre

Truffe on line: tre gli uomini fermati dai carabinieri

I fermati sono tre, ognuno con un compito ben preciso all’interno dell’organizzazione. Concorso in truffa aggravata e riciclaggio, reati commessi in varie regioni d’Italia. Gli inquirenti, immaginano che questo sia soltanto uno dei settori in cui i tre operavano, e che alle spalle ci sia qualcosa si molto più grosso. Per ora le indagini continuano. La banda sapeva cambiare atteggiamento in base all’utente che si trovava dall’altra parte.

Almeno un centinaio le persone truffate dalla banda, utenti coinvolti in raggiri in rete, portati a pagare cifre per oggetti mai più ricevuti. Una vera e propria organizzazione, dinamica ed efficiente. Le truffe in ogni parte d’Italia, i soldi fatti girare attraverso carte prepagate.

LEGGI ANCHE >>> Auto in vendita online, occhio alla truffa: così vi svuotano il conto

Il giochetto sembrava funzionasse bene, più che collaudato dai tre complici. Poi le indagini dei carabinieri e tutto è finito, per fortuna.