L’arrivo della pandemia ha di fatto rivoluzionato il sistema di assistenza clienti di Poste Italiane. Ecco come funziona adesso e come vengono risolti i problemi delle persone

Poste Italiane
Poste (Fonte foto: web)

La tecnologia è sempre più parte integrante della società moderna. Da quando un anno fa il covid ha sconvolto il mondo si è radicata ancora di più nella vita delle persone, anche per attività che comunemente si svolgevano in presenza.

Un esempio calzante in tal senso è quello di Poste Italiane che si avvale di un collaudato assistente digitale ribattezzato Poste. Grazie a questo sistema è stato possibile assistere 12 milioni di clienti, di cui 4 milioni nel 2021. Numeri importanti se si considera che mediamente sono circa 30 milioni le richieste che giungono nell’arco di un anno.

LEGGI ANCHE >>> Un postino a casa vostra: Poste Italiane si fa in quattro per i suoi clienti

Poste Italiane: i numeri dell’utilità dell’intelligenza artificiale

Nella fattispecie si tratta di un bot basato sull’intelligenza artificiale utile per interagire a distanza con i clienti. Lo si può utilizzare tramite cellulare, pc e anche su Whatsapp sia in forma verbale che scritta. Tutto ciò è possibile in virtù dell’ecosistema di servizi cognitivi in cloud di Microsoft. 

Ad accelerare l’arrivo di questi strumenti è stata naturalmente la nuova dimensione creatasi con il covid, che rende necessario un maggior supporto da remoto anche per quanto concerne operazioni di pagamento, spedizione, consegne, servizi finanziari, recupero credenziali e tante altre ricomprese nella vasta gamma di Poste Italiane. 

LEGGI ANCHE >>> Poste Italiane cerca nuove risorse: le offerte disponibili a marzo 2021

Come ogni apparecchiatura tecnologica anche i bot hanno i loro limiti, ma al tempo stesso “hanno la lungimiranza” di mettere in contatto il cliente con un operatore reale. Si può addirittura prenotare un ticket per lo sportello tramite Whatsapp al numero 3715003715 e fissare un giorno e l’ufficio postale dove andare a ritirare la pensione.

Dunque, una nuova dimensione che sta dando ottimi risultati, che al passo coi tempi può e dovrà essere ancora migliorata. La fase embrionale però sicuramente è iniziata nel migliore dei modi.