Possiamo risparmiare in bolletta anche con il frigorifero, non spegnendolo, ma con alcuni trucchetti che bisogna conoscere

Frigorifero (Fonte foto: web)

Ormai da anni, la tecnologia fa parte delle nostre vite in maniera ordinaria ed è logico, che anche i consumi in bolletta siano molto alti, con l’avvento dei diversi elettrodomestici. Al passo con i tempi, anche a questo abbiamo fatto l’abitudine e le varie compagnie, tentano di proporre prezzi sempre più convenienti.

Alcuni di essi, come i frigoriferi, sono praticamente collegati h24 alla corrente, anche perché qualora dovessimo staccarli per poche ore, rischieremmo di perdere il cibo che vi era contenuto. Così come vi abbiamo già descritto le app che consumano di più le batterie del cellulare, ora proviamo a capire in che modo risparmiare sul frigorifero.

Leggi anche>>> Rimborso del carburante: ecco come richiederlo e chi può usufruirne

Il segreto per collegare il frigorifero e risparmiare in bolletta

Sembrerà strano ma la possibilità di risparmiare con questo elettrodomestico, può anche dipendere da dove lo posizioniamo in casa. I consumi, potrebbero aumentare in particolari circostanze, ed infatti ci sono diverse zone della casa dove pare che il frigorifero sia un po’ “meno fortunato”, in quanto a consumi appunto.

A fare la differenza di fatto, potrebbe essere il calore dell’angolo di casa dove l’elettrodomestico viene posizionato, infatti inciderebbe sullo sforzo fatto dal frigo per tenere i gradi in cui si è impostato, fissi. Come vedete, esistono vari trucchetti per risparmiare, come quelli per la bolletta della luce che non hanno fatto piacere ai gestori. Quindi, sarebbe un bene non posizionare il frigorifero accanto a possibili zone di fonti di calore.

Leggi anche>>> Bollette, arriva la richiesta unica: cos’è e quando entrerà in vigore

Ma anche il distanziamento stesso dalla parete, è molto importante per un corretto funzionamento del nostro frigorifero. Tra la “schiena” dell’oggetto e la parete infatti, è sempre bene lasciare una decina di centimetri e quindi non di attaccarlo sensibilmente. Questo perché la serpentina costruita proprio nella parte posteriore dell’elettrodomestico, se troppo vicina alle pareti, si surriscalda prima e non dà la giusta ventilazione ai componenti elettrici del frigo.