Bolletta del gas non pagata ma variazione del contratto e passaggio da un gestore all’altro? Certo che si può.

Bolletta Gas
Bolletta gas (Adobe)

Non pagare la bolletta del gas e cambiare gestore? Ultimamente parliamo di una pratica più che diffusa. In breve succedeva che gli utenti non pagassero l’ultima bolletta dovuta all’azienda distributrice del servizio, per poi passare ad altro gestore. Una pratica più che comune, che negli ultimi tempi però, ha visto l’introduzione di un passaggio inatteso che, di fatto, complica la vita a quanti, in precedenza, hanno messo in pratica l’astuta mossa.

Il fenomeno in questione, battezzato a più riprese “turismo energetico”, facilitato dalla semplicità con la quale, oggi, è possibile migrare da un’azienda all’altra anche in brevissimo tempo e senza rimetterci praticamente nulla. L’introduzione del Cmor, sembra avere, in qualche modo variato le cose, messo al bando quella pratica, a tratti fastidiosa per le aziende, alla quale, però gli utenti si erano ben abituati e che conoscevano molto bene.

LEGGI ANCHE >>> Bolletta dell’acqua: trucchi e strategie per risparmiare

Gestore Gas: cosa succede per contrastare i furbetti della bolletta

Il Cmor, strumento introdotto per tamponare la migrazione in massa da un’azienda all’altra lasciando però il solito piccolo debito, non è altro che un corrispettivo di morosità. Tale importo si applica, da parte del nuovo fornitore agli utenti che lasciano debiti vero la vecchia compagnia della luce o del gas. Con questa pratica, di fatto, si combatte quella che era diventata ormai prassi comune. Non pagare l’ultima bolletta e cambiare gestore.

Chiaramente se non si accetta di pagare il cosiddetto cmor si rischia di compromettere il nuovo contratto con l’azienda fornitrice di energia elettrica e di restare, in ogni caso, vincolati al vecchio, considerato che si è contratto un debito bello e buono.

LEGGI ANCHE >>> Un metodo per ridurre i costi sulla bolletta dell’acqua

Insomma la realtà è questa, anche se il cmor può essere, in ogni caso, contestato se non esistono i presupposti da parte del nuovo gestore. Dinamica complessa, insomma, ma sembrerebbe, molto efficace, in alcuni casi.