Senza lavoro dopo il covid, maestro di sci fa un annuncio sui social

"Abbiamo un bambino ed un mutuo da pagare". Dopo l'appello social del maestro, tantissime le offerte ricevute

“Abbiamo un bambino ed un mutuo da pagare”. Dopo l’appello social del maestro, tantissime le offerte ricevute.

Una storia a lieto fine

Una storia a lieto fine, quella di Niccoló ed Alessia: una giovane coppia di Scandicci, che dopo aver perso il lavoro per via del Covid, hanno pubblicato un video sui social per cercare un impiego. Migliaia le condivisioni del post e le proposte ricevute.

LEGGI QUI >>> Vive con 170 euro al mese: incredibile storia di questa donna

Niccolò, maestro di sci di Scandicci, ha smosso nel profondo l’animo dei social network. L’appello lanciato in rete dalla compagna Alessia, non è rimasto inascoltato. La coppia è stata sommersa di messaggi sulla pagina Facebook di Repubblica Firenze e l’articolo è rimbalzato di profilo in profilo. Tante le offerte di lavoro che sono arrivate e stanno ancora arrivando. (Tra le proposte, anche una presso un’azienda agricola, di Fiesole, proprio come quella in cui era fattore suo padre). Le offerte sono piovute, tanto che Niccolò non è ancora riuscito a sentire tutti.

LEGGI QUI >>> Una linea di scarpe sataniche:assurdo gesto del rapper sconvolge tutti

Le parole di Alessia

“Quanti come noi, hanno un mutuo, dei figli? La nostra storia è simile a migliaia di altre e c’è chi è messo peggio – scrive la moglie del maestro di sci –  Ci sono coppie in cui entrambi non lavorano da mesi, una donna ha scritto che sta per perdere la casa. Vorrei che tutti gli appelli fossero accolti. Quando ho pubblicato il mio annuncio sul gruppo cittadino – continua – speravo di trovare un lavoro per il mio compagno, ma ho ricevuto qualcosa di più speciale”.

Niccolò continua a fare colloqui e sta valutando l’offerta di un locale di Villa Costanza (Scandicci) che ha bisogno di qualcuno che si occupi della manutenzione e pulizia dello spazio verde. 

Una storia che è quella di milioni di italiani in difficoltà per ciò che è successo in seguito all’attuazione delle restrizioni successive alla pandemia di covid. Oggi c’è voglia di ripresa e di speranza, e tutti, proprio tutti hanno bisogno di riscoprire umanità e altruismo.