Il reddito di cittadinanza continua a far discutere e a far parlare. Ma ecco che ci sta una novità che potrebbe allarmare tutti.

allarme reddito di cittadinanza
(Fonte: Pixabay)

Il reddito di cittadinanza è senza alcun dubbio uno degli argomenti principali di queste ultime settimane. Recentemente infatti sono arrivate delle nuove importanti regole, che hanno leggermente modificato i meccanismi dell’erogazione di questo sussidio. Ma ci sono tanti altri aspetti che non possono essere sottovaluti e di cui non si può non tenere conto.

Infatti, in determinate condizioni, è necessario un aggiornamento per non rischiare di perdere questo bonus. Ma quando bisogna e occorre farlo? Un qualcosa che può davvero risultare fondamentale e che va comunicato al momento della compilazione della domanda. Giusto dunque entrare nel dettaglio e nello specifico della questione.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Vince 110 mila euro ma prende lo stesso il reddito di cittadinanza per giocare

Allarme reddito di cittadinanza, ecco gli ultimi aggiornamenti

. (Fonte; Pixabay)Va innanzitutto detto che questo aggiornamento può portare a un ricalcolo del benefit. Comunque si tratta di un qualcosa che di base viene imposto di base annualmente dall’Inps. Infatti entro il 31 gennaio è sempre necessario rinnovare l’Isee per continuare a percepire il reddito di cittadinanza. D’altronde è per questo che, nel mese di febbraio, vi è stato un primo ricalcolo delle cifre erogate. Ma la questione non finisce e non si esaurisce qui.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Reddito di cittadinanza e Assegno unico: novità importanti con l’estate

Infatti, come in parte già detto e spiegato, è necessario fare un aggiornamento anche durante il corso dell’anno, altrimenti il rischio è quello di perdere l’rdc. Tutto comunque si lega alle informazioni che vengono fornite all’Inps. Ed ecco che, a seconda di queste ultime, le procedure possono essere differenti e diverse. Ed è per questo che diventa a dir poco fondamentale ed essenziale comunicare i recapiti corretti: indirizzo, telefono ed email. Tutto ciò verrà infatti utilizzato dal Centro per l’impiego per le convocazioni future e per inviare tutto il materiale. Insomma, il reddito di cittadinanza tiene sempre e comunque banco. E non potrebbe essere altrimenti.