Diletta Leotta è stata tempo fa vittima di un clamoroso furto nella casa di Milano: ecco tutti i dettagli su questa triste vicenda.

diletta leotta furto
Diletta Leotta (Fonte: Getty Images)

Diletta Leotta è senza alcun dubbio uno dei personaggi maggiormente noti del mondo dello spettacolo e della televisione, principalmente e soprattutto per il suo ruolo di primo piano in ambito calcistico. Tempo fa però la soubrette è stata vittima dei cosiddetti ladri acrobati.

Ora, a distanza di qualche mese, la vicenda sembra essere giunta definitivamente alla parole fine. Infatti, secondo quanto rivelato e riportato da Leggo, sarebbero stati tutti individuati i componenti della banda che aveva effettuato nella casa milanese della siciliana. Ma quali sono i dettagli di questa vicenda? Giusto provare a ricostruire il tutto nello specifico.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> I ladri hanno preso di mira la tua casa? Con questi accorgimenti puoi scoprirlo

Diletta Leotta furto in casa, sgominata la banda: i dettagli

Diletta Leotta (Fonte: Getty Images)

Il furto era avvenuto lo scorso 6 giugno. Fra i cinque destinatari dei provvedimenti emessi dal tribunale di Milano ci sono due uomini che erano già stati arrestati nel febbraio scorso per aver svaligiato la casa della influencer Eleonora Incardona. Questi due difatti hanno ricevuto tale provvedimento in carcere. Per di più tra l’altro è proprio a casa di uno dei due che gli investigatori avrebbero trovato elementi e oggetti riconducibili al furto di cui è stata vittima la Leotta.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> McKennie in campo per la Coppa Italia mentre i ladri gli svaligiano casa, la Polizia indaga

Insomma, si sta parlando di una vera e propria banda perfettamente organizzata e oliata e che aveva messo nel mirino molti personaggi televisivi e del mondo dello spettacolo. A ingannarli però, sempre secondo quanto scoperto dagli investigatori, sarebbero state le immagini riprese dal sistema di sorveglianza. Queste ultimi infatti avrebbero ripreso i tre uomini mentre scavalcavano la barriera e forzavano il portone dell’abitazione. Dunque una storia che pare essere giunta alla sua naturale conclusione.