Decreto Sostegni, boom di richieste per i contributi a fondo perduto: i numeri

Dal 30 marzo è possibile presentare richiesta per i contributi a fondo perduto previsti dal Decreto Sostegni. Una misura particolarmente attesa che ha già registrato un gran numero di richieste.

Fonte: Pixabay

Gli ultimi mesi sono stati segnati dall’impatto del Covid che continua purtroppo ad avere un impatto negativo sulla vita di tutti noi. Il distanziamento sociale, l’utilizzo delle mascherine e le varie limitazioni negli spostamenti, infatti, sono solo alcuni degli accorgimenti a cui bisogna prestare attenzione onde evitare la diffusione del virus. Oltre all’aspetto delle relazioni interpersonali, bisogna fare i conti con una grave crisi economica. Sempre più imprenditori, purtroppo, sono costretti a tenere le saracinesche delle proprie attività chiuse.

Questo porta un numero crescente di persone ad avere delle difficoltà nel riuscire a gestire il proprio budget famigliare. Proprio per questo motivo si richiede l’intervento dell’esecutivo, che, in tal senso, ha di recente deciso di approvare il Decreto Sostegni. Quest’ultimo ha portato all’approvazione di contributi a fondo perduto a favore delle categorie lavorative maggiormente colpite. A partire dal 30 marzo, ricordiamo, è possibile presentare apposita richiesta e già sono in molti ad aver provveduto a fare domanda. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegni: fondo perduto con autocertificazione, ma attenti ai controlli serrati

Decreto Sostegni, boom di richieste per i contributi a fondo perduto: 550 domande al minuto

Contributo fondo perduto
Fonte: Pixabay

A partire dal 30 marzo, fino al 28 maggio, è possibile presentare apposita richiesta per i contributi a fondo perduto previsti dal decreto sostegno. Una misura particolarmente attesa, che ha registrato in poco tempo un vero e proprio boom di richieste. Come fatto sapere dalla stessa Agenzia delle Entrate attraverso un messaggio su Twitter, infatti, nel pomeriggio di martedì 30 marzo risultavano ben 230.476 domande, con un ritmo pari a  550 richieste al minuto.

230.476 domande già ricevute, 550 al minuto, senza rallentamenti dal via libera di stamattina. Grazie a Sogei e a tutti i cittadini che, inviando le istanze in modo ordinato e corretto, ci aiutano nel nostro lavoro“, si legge infatti su un tweet pubblicato ieri pomeriggio dall’Agenzia delle Entrate.

LEGGI ANCHE >>> Decreto Sostegni, aiuti in arrivo per il turismo di montagna: cosa c’è da sapere

A confermare il boom di richieste anche Laura Castelli che, sempre su Twitter, ha scritto: “Da questa mattina è possibile presentare le domande di contributo, previsto dal Decreto Sostegni, per tutte le imprese che hanno avuto un calo di fatturato. Nei primi 10 minuti sono arrivate più di 2000 richieste“.