Ancora oggi sono in molti ad attivare i contratti delle utenze domestiche tramite call center o porta a porta. La trappola, però, è sempre dietro l’angolo. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

Bolletta calvario

Ogni famiglia si ritrova costantemente alle prese con varie spese quotidiane. A partire dall’alimentazione, fino ad arrivare alle bollette, infatti, sono davvero tanti i costi con cui dover fare i conti. Proprio per questo motivo sono in molti a cercare sempre qualche soluzione grazie ai quali poter, ad esempio, risparmiare decine di euro sulle bollette. A tal fine possono rivelarsi particolarmente utili alcuni accorgimenti, come ad esempio un consumo più attento, mirato ad evitare inutili sprechi.

Allo stesso tempo una valida soluzione per poter risparmiare qualche euro consiste nell’attivare contratti presso fornitori in grado di garantire tariffe più competitive. In tal senso interesserà sapere che ancora oggi 9 contratti su 10 vengono attivati tramite call center o porta porta. Proprio quest’ultimi, però, nascondono spesso delle insidie. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo cosa c’è da sapere in merito.

LEGGI ANCHE >>> Esiste un modo per risparmiare sulle tariffe di luce e gas? Nel dettaglio qualche suggerimento

Bollette, attenti a call center o porta a porta: cosa c’è da sapere

Come risparmiare sulla bolletta elettrica: conviene aspettare ancora?
Calcolo bollette (Fonte foto: web)

Le nuove tecnologie aiutano senz’ombra di dubbio a semplificare molte operazioni, offrendo ad esempio la possibilità di attivare i contratti di luce e gas online. Un’operazione che nel corso del 2020 ha permesso in media di risparmiare ben 200 euro. Nonostante ciò sono in molti ancora a decidere di ricorrere a canali come call center o porta a porta, spesso trascurandone le possibili insidie.

Un approccio di vendita che è finito spesso al centro dell’attenzione, in quanto si rivela essere in alcune circostanze aggressivo o frutto di pratiche scorrette, che portano proprio all’attivazione di nuove forniture. Come già detto sono ancora in molti a ricorrere a tali canali di vendita, convinti di poter risparmiare. Nella realtà dei fatti, però, non è così. Le vendite tramite call center o porta a porta, infatti, comportano il coinvolgimento di un gran numero di utenti, ovvero il fornitore, l’agenzia a cui viene conferito il mandato di vendita e l’agente.

LEGGI ANCHE >>> Bolletta d’acqua troppo alta? Le regole d’oro per difendersi

Tutte voci che vanno inevitabilmente ad influire sul costo finale, che viene quindi pagato dallo stesso cliente. Dall’altro canto i servizi online permettono di mettersi in contatto direttamente con il fornitore, abbattendo di conseguenza i costi. Proprio questo fa capire come, a differenza di quanto si possa pensare, non sempre i contratti attivati attraverso i canali tradizionali risultino più convenienti. Anzi, spesso si finisce per imbattersi in contratti svantaggiosi e pratiche commerciali scorrette, quindi meglio prestare sempre la massima attenzione.