Sta per arrivare l’assegno unico per i figli. Ma di che cosa si tratta? Giusto analizzare il testo, pronto ad arrivare in Senato.

assegno unico per i figli
(Fonte: Pixabay)

Mesi e mesi di rinvii, ma ora dovremmo finalmente esserci e dovrebbe essere arrivato il momento. Il riferimento è all‘assegno unico per i figli, misura attesa da tanto tempo e che martedì dovrebbe iniziare il suo percorso parlamentare. Infatti, stando a quanto raccontato e riportato da SkyTg24, partirà la discussione nell’aula del Senato. Un inizio davvero molto importante e che non può certo passare inosservato.

In un periodo caratterizzato da bonus e sussidi, a partire da quelli introdotti dal Decreto Sostegni, questo sostegno potrebbe dare un po’ di linfa e di respiro a molte famiglie, alle prese con le difficoltà economiche, nate dopo un anno di pandemia e di emergenza sanitaria. Ma in che cosa consiste? Giusto entrare nel dettaglio e nello specifico per provare a capirne qualcosa in più.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Risparmi per i figli, 50 mila euro in fumo: la scelta che potrebbe costare cara

Assegno unico per i figli, l’analisi del testo

(Fonte: Pixabay)

Si tratta di un disegno di legge e quindi l’esame potrebbe essere anche molto più approfondito e dettagliato. Ciò che è al momento certo è che comunque che tale assegno dovrebbe spettare a chiunque abbia un figlio a carico fino a 21 anni. Il valore massimo sarà, stando sempre alle indiscrezioni, di 250 euro. Entrando maggiormente nel dettaglio, si può dire che ci sarà una parte fissa e una variabile, legata quindi al reddito. Previsti comunque degli aumenti e delle cifre maggiori nel caso di figli disabili.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE >>> Crisi Covid, 830 mila genitori hanno rinunciato a curare i figli: scenario da incubo

Un altro aspetto importante e da sottolineare è quello secondo cui, a partire dai 18 anni, il contributo potrebbe esser dato direttamente ai ragazzi. Il senso è senza alcun dubbio quello di provare a favorirne l’autonomia. Insomma, dopo il bonus baby sitter. una misura davvero molto importante per le famiglie. I tempi potrebbero prevedere una prima erogazione per il mese di luglio. Ora non resta che attendere l’iter parlamentare, che potrebbe allungarsi. L’attesa comunque è davvero tanta.