Lotti di vino bianco italiano ritirati, prima di arrivare sugli scaffali dei supermercati: all’interno, presenza di piombo.

Nell’ultima settimana, al Sistema rapido di allerta europeo, sono arrivate la bellezza di 98 segnalazioni, 9 delle quali, da parte del Ministero della Salute italiano. Proprio dall’Italia, lo scorso gennaio arrivarono segnalazioni per sospetta acqua ossigenata all’interno di alcuni prodotti, ed anche ora si parla di cibo o bevande che abbiano presentato irregolarità.

La stranezza che balza all’occhio, nelle ultime ore è quella del piombo in vino bianco italiano“. Per fortuna ci sono i controlli, altrimenti di cose dannose ne consumeremmo eccome, basti pensare che nelle ultime ore, sono arrivate avvertenze anche per: Listeria monocytogenes in formaggio di latte vaccino crudo francese, ed ancora, tossina di Shiga, in un formaggio a pasta molle prodotto sempre in Francia.

Leggi anche>>> Diventare ricchi comprando un paio di scarpe

Vino bianco italiano ritirato: ma quale nello specifico?

Per adesso, il prodotto che viene ritirato dagli scaffali non ha un nome: ovvero non è stato reso noto. Questo perché tra l’altro l’Ente, riesce quasi sempre ad intervenire ancor prima dell’arrivo nei magazzini dei vari supermercati, del prodotto stesso. Le uniche due cose che sono emerse, è che il vino italiano in questione è un bianco e che il livello di rischio sarebbe ritenuto “serio“.

Di fatto, come specificava la nota, si tratterebbe addirittura di presenza di piombo, all’interno della bevanda. Sono cose che certo, possono capitare, non sempre a causa di disattenzioni. Pochi giorni fa per esempio, l’Aifa ha disposto il ritiro di un farmaco dagli scaffali delle farmacie del nostro Paese.

Leggi anche>>> Cos’è il “prodotto civetta” con il quale ci ingannano i supermercati

Anche la frontiera italiana spesso, si ritrova ad dover rispedire al mittente dei lotti. Le ultime notizie per esempio, parlano di Salmonella enterica in delle vongole vietnamiti, uso non autorizzato del colorante E 110 in uno snack che arriva dalla Cina, aflatossine in delle pietanze derivanti dallo Sri Lanka ed ancora, un nuovo ingrediente alimentare non autorizzato in alcune bevande non alcoliche, sempre della Cina.